EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Legione d'onore al giornalista dell'AFP ucciso a Bakhmut

Arman Soldin sul campo
Arman Soldin sul campo Diritti d'autore SERGEI SUPINSKY / AFP
Diritti d'autore SERGEI SUPINSKY / AFP
Di Euronews Agenzie:  AFP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Francia ha conferito il riconoscimento postumo ad Arman Soldin 32enne bosniaco, morto in un attacco missilistico in Ucraina.

PUBBLICITÀ

La Francia ha conferito la Legione d'Onore postuma al giornalista Arman Soldin, morto lo scorso 9 maggio in un attacco missilistico nei pressi di Bakhmut, nell'Ucraina orientale. 

"Arman Soldin è stato insignito del cavalierato con effetto dal 28 giugno 2023, con decreto del Presidente della Repubblica del 13 luglio 2023", si legge sulla gazzetta ufficiale. 

La Legione d'Onore, conferita durante la vita dei rappresentanti eletti o postuma, ricompensa militari e civili per i servizi resi alla nazione e i meriti eccezionali. Venne introdotta nel XVII secolo da Napoleone Bonaparte.

Il riconoscimento postumo "onora il suo superbo giornalismo e contribuisce a mantenere viva la sua memoria
Phil Chetwynd
Direttore AFP

Chi era Arman Soldin

Il 32enne, che lavorava per l'Agence France Presse (AFP), faceva parte di una squadra di cinque reporter, che accompagnavano i soldati ucraini sul fronte più attivo, vicino al villaggio di Časiv Jar. 

Nato a Sarajevo, Soldin si era rifugiato in Francia da bambino, fuggendo con un volo umanitario dalla Bosnia devastata dalla guerra. Nel corso della sua carriera, si è dedicato in particolare agli sfollati colpiti dai conflitti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ucraina non chiederà sconti sugli impegni per l'ingresso nell'Ue, secondo la negoziatrice

Botta e risposta tra Kiev e Mosca: 6 morti in Russia e Crimea, una vittima a Kharkiv

Guerra in Ucraina: almeno 9 morti e 29 feriti nel raid russo a Kryvyj Rih, la città di Zelensky