EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

"Kiev usa mine in maniera indiscriminata", l'accusa di Human Rights Watch

Un cartellone indica la presenza di mine antiuomo presso la postazione di un'unità di volontari ucraini in un sobborgo di Kiev il 28 febbraio 2023\.
Un cartellone indica la presenza di mine antiuomo presso la postazione di un'unità di volontari ucraini in un sobborgo di Kiev il 28 febbraio 2023\. Diritti d'autore YASUYOSHI CHIBA/AFP or licensors
Diritti d'autore YASUYOSHI CHIBA/AFP or licensors
Di Joshua Askew
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le mine ucraine hanno causato undici vittime civili tra morti e feriti, secondo Human Rights Watch.

PUBBLICITÀ

Le forze ucraine utilizzano mine antiuomo in maniera "indiscrimintata". Questa l'accusa di Human Rights Watch, secondo cui Kiev si sarebbe così resa responsabili di undici vittime, tra morti e feriti, spesso amputati alle gambe.

Anche le forze russe hanno utilizzato almeno 13 tipi di mine antiuomo in tutta l'Ucraina dall'inizio dell'invasione nel febbraio 2022, uccidendo e mutilando decine di civili.

Le mine antiuomo possono causare numerosissime vittime tra i civili, anche molto tempo dopo la fine di un conflitto. Le mine antiuomo PFM-1, che secondo Human Rights Watch sarebbero state piazzate da Kiev nelle aree controllate dai russi, sono piccole mine che esplodono quando viene esercitata una pressione, ad esempio se qualcuno le calpesta.

L'ong ha chiesto a Kiev di non impiegare le armi vietate, di indagare sul loro sospetto uso e di incolpare i responsabili. "L'impegno del governo ucraino a indagare sull'apparente uso di mine antiuomo vietate da parte dei suoi militari è un importante riconoscimento del suo dovere di proteggere i civili", ha dichiarato Steve Goose, direttore degli armamenti di Human Rights Watch.

"Un'inchiesta rapida, trasparente e approfondita potrebbe avere benefici di vasta portata per gli ucraini, sia ora che per le generazioni future. Le autorità ucraine, preoccupate per la protezione dei loro civili, hanno interesse a scoprire come, quando e dove sono state usate queste mine", ha aggiunto Goose. "E fare tutto il possibile per impedire che vengano usate di nuovo".

L'impegno del governo ucraino a indagare sull'apparente uso di mine antiuomo vietate da parte dei suoi militari è un importante riconoscimento del suo dovere di proteggere i civili.
Steve Goose
Human Rights Watch

Il gruppo statunitense afferma di aver condiviso le sue ultime scoperte con il governo ucraino, ma di non avere ricevuto alcuna risposta. Human Rights Watch ha pubblicato anche quattro rapporti che documentano l'uso delle mine da parte delle forze russe, che secondo l'ong "viola il diritto umanitario internazionale".

Mosca non ha aderito al Trattato sulla messa al bando delle mine del 1997, che vieta questo tipo di armi. L'Ucraina, invece, ha ratificato il trattato nel 2005. Il testo impone ai Paesi firmatari di distruggere le scorte di mine, bonificare le aree minate e fornire assistenza alle eventuali vittime.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, attacco russo colpisce l'ospedale pediatrico Okhmatdyt a Kiev

Attacco di droni ucraino a un deposito di munizioni russo, persone cosrette a evacuare

Mosca: conquistati altri due insediamenti nel Donetsk, 11 ucraini morti nelle ultime 24 ore