EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Duro colpo per Rishi Sunak: il piano migranti è "illegale"

Rishi Sunak "fondamentalmente in disaccordo" con la decisione dell'Alta Corte di dichiarare il piano migranti "illegale"
Rishi Sunak "fondamentalmente in disaccordo" con la decisione dell'Alta Corte di dichiarare il piano migranti "illegale" Diritti d'autore Leon Neal/WPA Rota
Diritti d'autore Leon Neal/WPA Rota
Di Isidoro Patalano
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il governo conservatore di Rishi Sunak è stato colpito da una sentenza dell'Alta Corte di Londra che ha dichiarato "illegale" il piano di mandare i migranti irregolari in Ruanda. Il Primo ministro ha annunciato che farà ricorso alla Corte Suprema per tentare di ribaltare la decisione

PUBBLICITÀ

Il piano del governo britannico di mandare i richiedenti asilo in Ruanda è naufragato per ora. La Corte d'Appello di Londra ha stabilito giovedì che la misura è "illegale".

Nel duro colpo inflitto al governo conservatore, tre giudici hanno stabilito con una maggioranza di due a uno che il Ruanda non può essere considerato un "paese terzo sicuro".

Il Paese dell'Africa orientale aveva accettato di accogliere i migranti in speciali centri d'accoglienza mentre le loro domande d'asilo venivano esaminate in Regno unito.

"Le carenze del sistema di asilo in Ruanda sono tali da far ritenere che vi sia un rischio reale che le persone inviate in Ruanda vengano rimpatriate nei loro Paesi d'origine", - ha detto il Presidente della corte Lord Burnett - "dove hanno subito persecuzioni o altri trattamenti disumani, quando in realtà hanno una buona richiesta di asilo. In questo senso, il Ruanda non è un Paese terzo sicuro".

Le reazioni della politica

Il provvedimento è stato prontamente criticato sia dai parlamentari Tory sia dal governo ruandese, che ha ribadito che il suo Paese è "uno dei più sicuri al mondo".

Il Primo ministro Rishi Sunak ha dichiarato subito dopo la sentenza di essere "fondamentalmente in disaccordo" e ha detto che "dovrebbe essere il governo a decidere chi viene qui, non le bande criminali" e che farà ricorso alla Corte Suprema.

"La decisione dell'Alta Corte secondo cui il Ruanda era un Paese terzo sicuro è stata ribaltata, a meno che e fino a quando le carenze nelle procedure di asilo non saranno corrette", ha detto Lord Burnett durante la sentenza.

La Ministra dell'interno, Suella Braverman, si è unita all'appello del Primo ministro in supporto al ricorso presso la Corte Suprema. "Il popolo britannico vuole fermare i barconi, e anche questo governo vuole farlo", ha dichiarato.

"Rimango pienamente impegnata in questa politica, così come il governo ruandese".

AP/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Minista dell'interno Suella BravermanAP/Copyright 2023 The AP. All rights reserved

La Minstra ombra dell'interno, Yvette Cooper, ha etichettato il programma come "inattuabile, non etico ed estorsivo"

"La sentenza di oggi dimostra che Rishi Sunak non ha un piano per risolvere il caos delle piccole imbarcazioni dei conservatori e che la sua unica idea si sta completamente disfacendo", ha dichiarato la ministra laburista

Secondo il Migration Watch UK, oltre gli 11.200 migranti hanno attraversato il canale della Manica da inizio 2023.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, l'anno accademico apre e le scuole chiudono. Critiche per l'operato di Sunak

Naufragi nel Mediterraneo, Ong: "Manca il coordinamento"

Gb: ministra dell'interno nel ciclone per aver parlato di invasione di migranti