EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Il Parlamento russo (in esilio)? È in Polonia. Prepara la Russia del dopo-Putin

Ilya Ponomarev, uno dei leader del Parlamento russo in Polonia.
Ilya Ponomarev, uno dei leader del Parlamento russo in Polonia. Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Magdalena Chodownik da Varsavia - Edizione italiana: Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'obiettivo dell'opposizione russa all'estero è di riscrivere una nuova Costituzione, pronta per il dopo-Putin: ma con quale impatto reale sulla vita in Russia? Per il momento, nessuno. Ma uno dei leader, Ilya Ponomarev, insiste

PUBBLICITÀ

VARSAVIA (POLONIA) - Si è tenuto a Varsavia il Congresso dei Deputati del Popolo, su iniziativa dell'opposizione russa e di uno dei suoi leader, Ilya Ponomarev, 47 anni, ex membro della Duma russa (il Parlamento "ufficiale" di Mosca), personaggio discusso e noto per il suo voto contro l'annessione della Crimea nel 2014.

Da quel giorno ha lasciato la Russia e  trascorre la maggior parte del suo tempo in Ucraina.

L'obiettivo del terzo Congresso è votare una nuova costituzione russa da parte dell'autoproclamato parlamento russo in esilio.

Euronews
Una seduta del Parlamento russo in esilio, a Varsavia.Euronews

Ma chi è Ponomarev?

Agnieszka Legucka, dell'Istituto polacco per gli affari internazionali (PISM), traccia un profilo di Ponomarev, il vero "motore" del Parlamento in esilio. 
"Sta lavorando con i suoi delegati per preparare il "sistema legislativo post-Putin" e sta dicendo che il regime di Putin ha imprigionato i russi, quindi il Parlamento in esilio sta lavorando per liberare il popolo russo. Ponomarev ha bisogno di legittimazione dopo la guerra e la otterrà, forse, quando Putin lascerà o sarà costretto a lasciare la sua leadership. Ma per ora, molte persone, politici ed esperti lo guardano con una certa distanza". 

Euronews
"Ponomarev sta cercando legittimazione per il dopo-Putin":Euronews

Ciò è dovuto al passato di Ponomarev, ma anche al suo sostegno alle operazioni militari sul fronte contro la Russia, in particolare alla "Legione Svoboda" (Legione della Libertà) - un'unità russa che combatte a fianco dell'Ucraina, insieme ad altri gruppi partigiani, come quello di Belgorod.

"L'obiettivo è costruire la nuova Russia"

Spiega lo stesso Ilya Ponomarev:
"Siamo qui nei locali del Congresso dei Deputati del Popolo e questo è il nostro Parlamento. Ci sono difensori dei diritti umani, grandi giornalisti, grandi attivisti politici. L'obiettivo è costruire la nuova Russia. L'obiettivo è approvare la nuova Costituzione, approvare il nuovo insieme di leggi di base e creare un Parlamento di transizione che funzionerebbe dal momento del cambio di regime, fino al momento in cui il Parlamento normale e pienamente legittimo sarebbe votato dai comuni russi. Non sto dicendo che abbiamo la massima legittimità, che siamo noi il potere della Federazione Russa, ma almeno siamo qualcosa".

Euronews
"Comunque, siamo qualcosa"...Euronews

Ma non tutti gli attivisti politici dell'opposizione russa vedono con favore le azioni di questo cosiddetto Parlamento: innanzitutto, sottolineano la mancanza di un impatto reale...

"Nessun interesse per questo finto Parlamento"

Anastasia Sergeeva, del Consiglio civile russo, è piuttosto dura nei confronti del Parlamento russo in esilio:
"In nessun modo, nessuno ha un interesse o anche solo una domanda su come questo finto Parlamento in esilio può influenzare ciò che sta accadendo in Russia. Non pensano davvero a come cambiare la situazione e il massimo che propongono è una sorta di “facciamo contropropaganda” a quanto fa Putin. Alle manifestazioni, alle conferenze, ai congressi, purtroppo, non si vincerà la guerra. Parleranno, si metteranno in mostra, saranno molto contenti di se stessi, ma cosa ne verrà fuori? Non verrà fuori niente, come sempre".

Euronews
"Non serve a niente".Euronews

"Opposizione russe divisa e competitiva"

La corrispondente di Euronews da Varsavia, Magdalena Chodownik:
"Gli attivisti dell'opposizione russa creano molte nuove iniziative come questo congresso e, persino, unità armate che supportano l'esercito ucraino nella lotta contro la Russia. Sfortunatamente, però, quella che chiamiamo “l'opposizione russa” sembra oggi essere molto divisa e competitiva. 

Euronews
La corrispondente Magdalena Chodownik.Euronews
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Corte Ue condanna la Polonia per la sua riforma della giustizia

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento