EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Missione lampo di Giorgia Meloni in Tunisia. Con lei, Ursula Von der Leyen e il premier olandese

frame
frame Diritti d'autore Italian Premier Office/Copyright 2021 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Italian Premier Office/Copyright 2021 The AP. All rights reserved
Di euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con la premier italiana anche Ursula Von der Leyen e il premier olandese Mark Rutte. Sul tavolo della discussione aiuti, immigrazione e democrazia

PUBBLICITÀ

Giorgia Meloni torna a Tunisi a pochi giorni dall'ultimo incontro con le autorità del Paese e ci torna accompagnata dalla presidente della Commissione europea. L'obiettivo è semplice e assume la forma di un baratto: l'Unione aiuta il Paese africano a a evitare il tracollo finanziario (con le conseguenze sociali che potrebbe comportare) e Tunisi allenta la morsa autoritaria con cui ultimamente governa.

"È nel nostro comune interesse rafforzare le relazione e investire nella stabilità e nella prosperità del Paese - così la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, nella dichiarazione congiunta con la premier Giorgia Meloni e il primo ministro olandese Mark Rutte a Tunisi dopo l'incontro con il presidente tunisino, Kais Saied. Von der Leyen ha confermato che la Ue è pronta a mobilitare 900 milioni di assistenza finanziaria per Tunisi. 

 "La Commissione europea valuterà l'assistenza macrofinanziaria non appena sarà trovato l'accordo (con il Fmi) necessario. E siamo pronti a mobilitare fino a 900 milioni di euro per questo scopo di assistenza macrofinanziaria. Come passo immediato, potremmo fornire subito un ulteriore sostegno al bilancio fino a 150 milioni di euro".

"Vogliamo arrivare al Consiglio europeo di fine giugno con un memorandum d'intesa già firmato tra Ue e Tunisia", ha detto la premier italiana Giorgia Meloni.

La missione europea a Tunisi, missione di un giorno, è stata organizzata per  discutere di economia, energia, ma soprattutto di immigrazione.  

Un accordo di cooperazione in materia d'economia, energia e migrazioni è stato  al centro delle discussioni", come aveva annunciato nei giorni scorsi il portavoce della Commissione europea.

Il patto antico del "Do ut des"

E infatti la troika europea ha presentato a Tunisi  il piano di assistenza finanziaria di Bruxelles, annunciato dal commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni, di 900 milioni di euro. 

Non possiamoo dimenticare  l'accordo raggiunto nei giorni scorsi  dai 27 a Lussemburgo sul nuovo Patto sulla migrazione, che stabilisce la possibilità di individuare dei "paesi terzi sicuri" dove rimandare i migranti espulsi dal territorio europeo. La Tunisia potrebbe essere uno di questi Paesi. 

L'idea è andare in soccorso al Paese, cui si affiancherebbe anche l'aiuto del Fmi ( aiuto che non piace a tutti a Tunisi), Tunisi che darebbe a sua volta il proprio contributo a bloccare l'esodo migratorio, che parte dalle sue coste diretto in Europa. Tunisi dovrebbe inoltre  impegnarsi a invertire la rotta autoritaria intrapresa per mettere a tacere il malessere sociale (alimentato dalla crisi economica).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Meloni-von der Leyen-Rutte: missione a Tunisi per l'accordo sui migranti

G7 in Puglia, Meloni: "Accordo politico su aiuti da 50 miliardi di dollari a Kiev da asset russi"

La lista completa dei 25 eletti con Fratelli d'Italia alle europee 2024