EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Pasqua ortodossa in Grecia, la corsa "rallentata" dei prezzi degli alimentari

Un mercato in Grecia
Un mercato in Grecia Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Consumatori a caccia di offerte per la carne e altri generi alimentari in Grecia. Da febbraio lo Stato greco ha garantito per un semestre il 10% degli acquisti delle famiglie nei supermercati e nei negozi di alimentari.

PUBBLICITÀ

Nel fine settimana in Grecia i cristiani ortodossi celebrano la Pasqua. Parte della festa si consuma a tavola. L'agnello arrosto è uno dei piatti della tradizione.
Nel mercato centrale di Atene, i consumatori si sono messi a caccia delle offerte migliori. I prezzi elevati hanno colpito il reddito dei greci, che faticano ad arrivare a fine mese.

Prezzi in Grecia

Andreas Niotis è macellaio al mercato centrale di Varvakeios. Spiega che i commercianti hanno cercato di tenere sotto controllo i prezzi: "Negli ultimi dieci giorni i cittadini hanno fatto la spesa per la Pasqua, soprattutto agnello e capra. Un chilo di carne costa dai 9 ai 10 euro. Come sapete, l'inflazione cresce e abbiamo cercato di mantenere i prezzi ai livelli dell'anno scorso".

La maggior parte dei consumatori ritiene che i prezzi della carne siano ragionevoli. Il problema è che la maggior parte delle persone ha meno soldi da spendere.

"I prezzi sono più o meno gli stessi dell'anno scorso - dice una donna - Ma i cittadini non hanno soldi, questo è il problema. La gente non riesce a pagare le bollette".

In Grecia, oltre alla carne, si comprano candele pasquali, uova di cioccolato e regali per i bambini. Quest'anno i negozianti parlano di un volume d'affari in crescita e si aspettano buoni profitti, nonostante la crisi.

Il sostegno al reddito per gli acquisti nei supermercati

Da febbraio lo Stato greco ha garantito per un semestre il 10% degli acquisti delle famiglie nei supermercati e nei negozi di alimentari. Si parla di un budget di 220 euro, con un aumento di 100 euro per ogni componente della famiglia, entro il limite di 1000 euro. 

A  beneficiarne coppie con un reddito annuo fino a 24.000 euro, con ulteriori 5.000 euro concessi a figlio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Mondiali di Basket. Trionfa la Germania, sconfitta la Serbia. È il primo titolo per i tedeschi

La "focosa" Pasqua ortodosa ad Atene

I cristiani ortodossi celebrano la Pasqua: in Georgia veglia di protesta a lume di candela