Centro cambio sesso in Veneto,'prestazioni previste nei Lea'

Ricerca guidata da Ateneo Padova, può aprire nuova strada a cura
Ricerca guidata da Ateneo Padova, può aprire nuova strada a cura
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PADOVA, 08 APR - Risponde alle polemiche che da settimane si concentrano sul nuovo Centro pubblico per la disforia di genere (il cambio di sesso) in Veneto il direttore generale dell'azienda sanitaria di Padova, Giuseppe Dal Ben. Il tema principale è la possibilità o meno di congelamento degli ovociti femminili. "Le donne che intendono diventare uomini - dice Dal Ben all'ANSA - non congelano alcun ovocita, almeno in Veneto. Le notizie apparse sulla stampa appaiono destituite di ogni fondamento. Le uniche pazienti che possono congelare i propri ovociti, per preservare la fertilità, sono quelle in cura oncologica". La nuova struttura, erede del Centro di Andrologia già creato nel 2009 a Padova, sta ultimando la fase burocratica ed organizzativa, e - annuncia Dal Bene - "potrà essere pienamente operativo entro l'estate".' Poi un altro chiarimento sulla scelta adottata dalla Regione, anch'essa oggetto di critiche sul fronte politico: "Chiariamo che le prestazioni erogate dal Centro sono obbligatorie per legge, inserite nei Lea, i livelli essenziali di assistenza. Se non le erogassimo potrebbe essere intrapresa dai pazienti un'azione giudiziaria e lo dovremmo fare forzatamente". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: accordo tra Kiev e Mosca per lo scambio di 48 bambini sfollati

Nestlé: distrutte due milioni di bottiglie d'acqua della filiale Perrier. Scoperti batteri "fecali"

Ucraina, Biden firma il pacchetto di aiuti all'estero da 95 miliardi: "Armi già nelle prossime ore"