EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Sudan: L'accordo si arena, le proteste ripartono

Il nuovo slittamento dell'accordo con i militari per la transizione del potere torna a riempire le piazze a Khartoum
Il nuovo slittamento dell'accordo con i militari per la transizione del potere torna a riempire le piazze a Khartoum Diritti d'autore Marwan Ali/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Marwan Ali/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nuovo slittamento dell'accordo con i militari per la transizione del potere. Il nuovo rinvio della firma riempie le piazze a Khartoum. La bozza del testo prevede un'amministrazione civile temporanea ed elezioni entro due anni

Slitta ancora l'accordo con i militari. Nuove proteste di piazza

PUBBLICITÀ

Un nuovo slittamento della firma dell'accordo con i militariper l'insediamento di un governo civile torna a riempire le piazze in Sudan. Allo stallo dei negoziazi i manifestanti hanno replicato giovedì scendendo in strada, soprattutto nella capitale Khartoum. Alle proteste dei manifestanti, che dal colpo di stato di due anni fa rifiutano qualsiasi compromesso con le forze armate, le autorità hanno risposto con cariche e lacrimogeni. 

L'accordo in bozza: amministrazione civile temporanea ed elezioni fra due anni

Una bozza dell'accordo visionata dall'agenzia di stampa Associated Press prevedrebbe il ritiro dei militari dalla politica e l'avvio di un processo di transizione volto alla formazione di un esercito professionale e apartitico. La guida del Paese passerebbe invece a un'amministrazione politica fino alle elezioni, che dovrebbero tenersi tra due anni. Le questioni relative alla sicurezza incomberebbero a partire da quel momento al primo ministro emerso dalle urne, che presiederà anche il Consiglio di difesa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sudan, rimpatriati i diplomatici statunitensi e sauditi. Continuano le evacuazioni

Sudan, ancora combattimenti. Iniziano le prime evacuazioni di cittadini stranieri

Sudan, almeno 104 morti nell'attacco delle Rsf al villaggio di Wad al-Noura