EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Guardia costiera,sempre più soccorsi lontani dall'Italia

Comandante Carlone, 'per l'inadeguatezza degli altri Paesi'
Comandante Carlone, 'per l'inadeguatezza degli altri Paesi'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 04 APR - "L'assenza o inadeguatezza" degli apparati di soccorso degli altri Paesi vicini fa sì che, "in ossequio alla Convenzione di Amburgo, quando noi veniamo a conoscenza di unità" bisognose di soccorso, "anche se queste si trovano fuori dalla acque di responsabilità italiana, c'è l'obbligo di intervenire e ormai questa è una prassi frequente. Noi siamo sempre più impegnati ad operare a distanze elevatissime dall'Italia e questo sta determinando un logorio del nostro strumento aeronavale: servono interventi urgenti". Così il comandante generale della Guardia costiera, ammiraglio Nicola Carlone, in audizione alla commissione Trasporti della Camera. "Il soccorso svolto da un apparato dello Stato come il nostro - ha sottolineato Carlone - è un'attività che richiede disciplina ed organizzazione, non estemporaneità ed improvvisazione. Per questo operiamo su una base giuridica certa e stabile. C'è la responsabilità penale diretta e personale dei nostri operatori. Non vi sono ordini o suggerimenti che possano farci derogare da questo modello". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Georgia: la presidente Zourabichvili pone il veto alla 'legge russa'

Nuova Caledonia: sesta vittima durante le proteste, perché Parigi accusa l'Azerbaijan

Maltempo in Europa: inondazioni in Germania, Scholz annulla comizio elettorale