Bagarre in aula a Milano sui figli delle coppie gay

Il sindaco Sala se ne va
Il sindaco Sala se ne va
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 03 APR - È scoppiata la bagarre in Consiglio comunale a Milano sul tema dei diritti dei figli delle coppie dello stesso sesso, con maggioranza di centrosinistra e opposizione di centrodestra divisi sul tema che hanno alzato i toni in diverse occasioni durante gli interventi liberi. Il capogruppo di Fratelli d'Italia Riccardo Truppo ha preso la parola per replicare ad un fatto personale ma quando ha iniziato il suo intervento ha attaccato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, da poco arrivato in aula, sul tema dei figli delle coppie gay. "Qui si sta parlando da un'ora e mezza di temi rilevanti per la città ma lei è arrivato solo adesso - ha detto Truppo al sindaco -, invece che venire in Consiglio comunale va a Bruxelles e in televisione a parlare di queste cose". Il sindaco a quel punto non ha replicato ma si è alzato e ha lasciato l'aula dicendo mentre se ne andava a Truppo, "rispetto delle regole, rispetto delle regole". Questo perché il capogruppo di Fratelli d'Italia nel suo intervento avrebbe dovuto replicare ad un fatto personale e invece ha parlato di altro. Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Matteo Forte ha urlato più volte al microfono, riferito al sindaco, "Schettino torni a bordo". Mentre la Lega ha chiesto la sospensione dei lavori del Consiglio fino al ritorno in aula del sindaco, ma la proposta è stata bocciata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev, colpita una nave russa della flotta del Mar Nero in Crimea, Mosca nega

Ungheria: al via la campagna elettorale in vista delle europee e comunali del 9 giugno

Kosovo: referendum per rimuovere 4 sindaci di etnia albanese