EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Gruppo parkour inglese 'rivendica' tuffo e salti a Venezia

"Sfidando gli avvertimenti del sindaco", video sui social
"Sfidando gli avvertimenti del sindaco", video sui social
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VENEZIA, 01 APR - Sono stati "rivendicati" con video e fotografie pubblicate sui social il tuffo dal tetto di un edificio e altri salti tra i canali di Venezia, che la scorsa settimana avevano sollevato polemiche e la reazione del sindaco Luigi Brugnaro. Autori delle 'bravate' sono i componenti di un gruppo inglese che si chiama "Phat" e si definisce una "squadra professionista di parkour" di Londra. Su Youtube è riassunta in un video quella che i ragazzi definiscono "una selvaggia avventura di tre giorni a Venezia, dove affrontano sfide una per una e spingono i propri limiti in una città che li odia". Nei 19 minuti di video, intitolato "Sfidando gli avvertimenti del sindaco", i ragazzi si esibiscono in diverse evoluzioni per la città e fanno anche amicizia con turisti e residenti, che a loro volta li riprendono con i loro smartphone. Qualche evoluzione finisce con un 'tuffo' imprevisto nei rii, altre volte si fanno dare un 'passaggio' da qualche imbarcazione di passaggio. Alla fine, il salto "davvero speciale" e che ha fatto il giro del mondo, il tuffo dal tetto dell'edificio in rio di Ca' Foscari. Il video spiega anche come uno dei componenti di 'Phat' sia riuscito a raggiungere la sommità, semplicemente arrampicandosi su alcune impalcature che sono montate sulla facciata. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 27 maggio - Pomeridiane

Meloni: no ad armi Nato all'Ucraina contro la Russia, sì ad alleanza con Popolari di von der Leyen

Frana in Papua Nuova Guinea, si cercano superstiti: almeno 670 morti e duemila sepolti dalle macerie