EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Accoltellati a Lisbona, sotto accusa un rifugiato padre di tre bambini

Il centro Ismaili alla periferia di Lisbona
Il centro Ismaili alla periferia di Lisbona Diritti d'autore Armando Franca/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Armando Franca/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il ministro portoghese degli Affari interni ricostruisce la storia dell'aggressore: "Sua moglie morta in un centro profughi in Grecia"

PUBBLICITÀ

Padre di tre bambini, vedovo. Sua moglie è morta in un campo profughi, in Grecia. E il genitore, assieme ai figli, di 9, 7 e 4 anni, è stato accolto in Portogallo, nell'ambito dei progetti cooperazione europa. Eccolo, il profilo dell'uomo che, armato di coltello, ha ucciso due donne e ferito altre tre persone nel centro Ismaili, alla periferia di Lisbona, una comunità di muslmani che aderisce ai valori sciiti e opera anche con i rifugiati. A spiegarlo  il ministro degli Affari interni, Jose Luis Carneiro, che ha anche detto che l'aggressore, "relativamente giovane", "ha beneficiato dello status di protezione internazionale".

Per chiarire i motivi del gesto, proseguono le indagini immediatamente avviate dalla polizia che è intervenuta sul posto, disarmato e arrestato il killer.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Terrorismo, è allarme: arrestati due pakistani ad Atene

Ucraina, Zelensky al confine con la Russia celebra la riconquista di Sumy

Le notizie del giorno | 28 marzo - Serale