Carceri: ancora agenti ferite all'istituto femminile di Pozzuoli

Nuova aggressione in pochi giorni: "incolumità ormai a rischio"
Nuova aggressione in pochi giorni: "incolumità ormai a rischio"
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 19 MAR - "Non possiamo più tollerare che, per garantire l'equilibrio negli istituti penitenziari, venga minata l'incolumità dei nostri colleghi". Dicono "basta" i sindacati di polizia penitenziaria Si.N.A.P.Pe, UIL P.A. PP, USPP, FNS CISL, CNPP, e FP CGIL, dopo la seconda aggressione in pochi giorni ai danni degli agenti nel carcere femminile di Pozzuoli (Napoli). Ieri, una detenuta italiana, per futili motivi, ha tentato di aggredire un'educatrice e solo grazie all'intervento della Penitenziaria si è evitato il peggio. Le poliziotte, però, per ristabilire la calma hanno riportato lesioni e contusioni per le quali si sono rese necessarie le cure mediche. Il carcere è stato teatro, alcuni giorni fa, di un'altra aggressione, sempre ai danni di una agente. "Non possiamo più accettare che si verifichino ancora questi eventi ai danni dei rappresentanti dello Stato, - sottolineano i sindacalisti, in una nota congiuta - la cui unica colpa è quella di espletare con professionalità e spirito di sacrificio i loro compiti istituzionali. È giunto il momento di contrastare con decisione questi intollerabili atti di violenza in danno dei poliziotti penitenziari con pene e sanzioni esemplari, anche sotto il profilo disciplinare, al fine di prevenire e stroncare sul nascere questi preoccupanti fenomeni che negli ultimi tempi si stanno ripetendo con allarmante frequenza". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Israele intercetta centinaia di droni e missili dell'Iran: danni in una base militare

Guerra in Ucraina: Berlino invia Patriot a Kiev, aumentano i bambini uccisi negli attacchi

Medio Oriente: Pasdaran sequestrano nave "legata a Israele"