Violenza di genere: il confronto tra i paesi europei

Violenza di genere: il confronto tra i paesi europei
Violenza di genere: il confronto tra i paesi europei Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il rapporto di European Data Journalism Network e Mediterranean Institute for Investigative Reporting con i dati raccolti in 20 Stati

PUBBLICITÀ

È stata definita l'epidemia silenziosa che colpisce le donne di tutta Europa.Secondo le statistiche dell'Unione europea, una donna su tre dai 15 anni in su ha subito violenze fisiche o sessuali. In Spagna, ad esempio, quattro donne sono state assassinate in città diverse, tutte nello stesso giorno di gennaio. E questi tragici eventi in tutto il continente hanno alimentato il dibattito su come prevenire i crimini violenti.

Qual è la situazione nei vari paesi europei?

Gli ultimi dati a disposizione che confrontano i tassi di violenza di genere in Europa risalgono al 2018. Il prossimo rapporto transfrontaliero sarà pubblicato solo nel 2024. Inoltre, alcuni paesi non includono la violenza di genere nelle loro statistiche. Questo ha spinto lo European Data Journalism Network e il Mediterranean Institute for Investigative Reporting a raccogliere manualmente i propri dati da 20 paesi dell'Unione.

Femminicidi in aumento in Grecia, Slovenia, Germania e Italia

Ecco cosa hanno trovato. "Dal 2019 - spiega Janine Louloudi, giornalista MIIR - paesi come Grecia, Slovenia, Germania e Italia hanno registrato aumenti significativi di femminicidi. La Grecia ha registrato il più alto aumento di femminicidi nel 2021 con un picco del 187,5%, da 8 nel 2020 a 23 nel 2021. Ed è importante anche tenere presente che, secondo gli esperti che abbiamo consultato, questo ha molto a che fare con il controllo che gli uomini esercitavano sulle donne in ambienti chiusi durante la pandemia. Controllo che poi è andato perso dopo la revoca delle restrizioni. E potrebbe essere questo il motivo per cui abbiamo assistito a un aumento radicale della violenza contro le donne durante il primo anno di pandemia e poi a un picco di femminicidi in alcuni paesi nel 2021".

I casi di Cipro e Malta

Finora solo due paesi in Europa, Cipro e Malta, hanno deciso che il femminicidio deve essere riconosciuto come un crimine a sé stante. E gli esperti ritengono che si dovrebbe fare di più una volta iniziata la violenza domestica, piuttosto che rischiare questa sfoci in femminicidio.

"Due delle storie presenti nel nostro rapporto - prosegue Janine Louloudi - riguardano donne che sono state assassinate da uomini contro i quali in passato, ex partner, o le attuali partner, avevano richiesto misure restrittive. Misure che non sono state mai applicate. Dunque questi uomini erano già stati violenti in passato e non sono mai andati in prigione. Quindi c'è una mancanza di applicazione delle leggi esistenti".

Attualmente è allo studio una direttiva della Commissione europea che potrebbe rendere obbligatoria la raccolta di dati in tutta l'Unione, poiché la violenza contro le donne è spesso sottostimata.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Parlamento europeo approva la direttiva sulla parità salariale

Crollo delle nascite in Polonia: perché le donne dicono no alla maternità?

Francia: il Parlamento francese approva il diritto costituzionale all’aborto