EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Bielorussia, condannato il Premio Nobel per la pace Ales Bialiatski. 10 anni di reclusione

Ales Bialiatski, Premio Noble per la Pace 2022
Ales Bialiatski, Premio Noble per la Pace 2022 Diritti d'autore Vitaly Pivovarchyk/BelTA
Diritti d'autore Vitaly Pivovarchyk/BelTA
Di Debora Gandini
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il procedimento penale nei confronti dell’uomo e di altri fondatori dell'organizzazione per la tutela dei diritti umani Viasna, non riconosciuta dalle autorità bielorusse, è stato avviato lo scorso gennaio

PUBBLICITÀ

10 anni di carcere per il premio Nobel per la pace bielorusso Ales Bialiatski. L’attivista è stato condannato dal tribunale di Minsk. A renderlo noto l'agenzia di stampa "Ria Novosti".

Il procedimento penale nei confronti dell’uomo e di altri fondatori dell'organizzazione per la tutela dei diritti umani Viasna, non riconosciuta dalle autorità bielorusse, è stato avviato lo scorso gennaio.

Con un comunicato, la stessa Ong ha fatto sapere che Bialiatski, in carcere dal luglio del 2021, è stato condannato per contrabbando e finanziamento di "attività che violano gravemente l'ordine pubblico". Secondo "Ria Novosti", gli altri imputati sono stati condannati a pene che vanno dai sette ai nove anni di reclusione.

Chi è Ales Bialiatski

Il premio Nobel per la pace è noto soprattutto per essere il presidente della ONG per i diritti umani Viasna, fondata dal 60enne, nel 1996 per dare assistenza finanziaria e legale ai prigionieri politici in Bielorussia e alle loro famiglie.

Fu tra le persone che contribuirono maggiormente a creare e a mantenere attivo il movimento bielorusso per la democrazia a partire dagli anni Ottanta. Nel 2020 fu arrestato per aver partecipato alle proteste di massa che avevano seguito la vittoria di Lukashenko alle ultime elezioni in Bielorussia, che l’opposizione e le organizzazioni indipendenti a livello internazionale avevano considerato truccate.

Era già stato in prigione dal 2011 al 2014 con accuse di evasione fiscale, che lui aveva sempre negato e che, come quelle più recenti, erano ritenute da molti politicamente motivate. Il processo nei suoi confronti ha preso il via a Minsk a gennaio.

La difesa della democrazia

Bialiatski è comparso con i suoi più stretti collaboratori, Valentin Stefanovich e Vladimir Labkovich, anch'essi detenuti, nella gabbia riservata agli imputati. Sono stati imprigionati dopo le massicce proteste anti-regime del 2020, in seguito all'autoproclamata vittoria delle elezioni presidenziali di Alexander Lukashenko, al potere dal 1994.

Il proselitismo del movimento è stato gradualmente disinnescato da arresti di massa, esilio forzato e dalla cattura di attivisti, giornalisti e leader di ONG. L'Occidente ha adottato sanzioni contro Minsk, che contianua peró a godere del sostegno di Mosca.

La vittoria del Premio Nobel

Viasna, il principale gruppo bielorusso per i diritti umani fondato da Bialiatski nel 1996, è anche co-ricevente del Premio Nobel per la pace 2022, insieme ad altre due organizzazioni per i diritti umani, Memorial (Russia) e il Centro per le libertà civili (Ucraina).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bielorussia, graziato attivista costretto a collaborare col Kgb di Minsk

Bielorussia: speculazioni sullo stato di salute di Lukashenko