Difesa:Crosetto; spese a 1,38% Pil,rischio Italia 'Pierino' Nato

Si batta per pace, investa in Paesi poveri,offra ingressi legali
Si batta per pace, investa in Paesi poveri,offra ingressi legali
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 16 FEB - La scelta di destinare il 2% del Pil alle spese per la Difesa "non è stata fatta da me, risale al 2014 ed è stata ribadita da tutti i Governi che sono seguiti. Io sono stato l'unico ad aver detto alla riunione Nato di ieri che il 2% è un obiettivo difficile da raggiungere, stante le condizioni finanziarie. Noi siamo all'1,38%, da qui la proposta di scorporare le spese per la Difesa dai vincoli di bilancio". Altrimenti "noi saremo i 'Pierini' della Nato, gli unici a non raggiungere l'obiettivo del 2% quando altri parlano già di 3% o 4%". Lo ha detto il ministro della Difesa, Guido Crosetto, nella sua audizione sulle linee programmatiche alle commisioni riunite Difesa Camera ed Esteri e Difesa Senato. "La Nato - ha sottolineato Crosetto - non è guerrafondaia: c'è una percezione di insicurezza nel mondo, lo scenario internazionale è problematico. Non solo per l'Ucraina, io sono preoccupato per il fronte Sud dove il terrorismo sta crescendo: il tema principale nei prossimi anni sarà l'Africa". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Regno Unito, legge sui migranti: i richiedenti asilo saranno deportati in Ruanda

Le notizie del giorno | 23 aprile - Pomeridiane

Italia, Senato vota su gruppi pro vita nei consultori: polemiche su aborto in decreto Pnrr