Elezioni in paradiso. Il Principato di Monaco al voto

Image
Image Diritti d'autore Carolyn Kaster/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

È uno degli stati più ricchi al mondo raccolto in un fazzoletto di terra. E la sua popolazione va al voto

PUBBLICITÀ

I monegaschi votano questa domenica per eleggere il Consiglio nazionale, il parlamento monegasco. Il secondo Stato più piccolo al mondo dopo il Vaticano, è una monarchia costituzionale ereditaria in cui il potere legislativo è esercitato congiuntamente dal Principe Alberto II e dal Consiglio nazionale.

Come è organizzato il Consiglio Nazionale di Monaco?

Conosciuto anche come Assemblea monegasca, il parlamento unicamerale del principato è composto da 24 membri eletti per 5 anni a suffragio universale. È il principale organo rappresentativo della popolazione. Vota le leggi proposte dal governo. Attualmente è presieduto da Brigitte Boccone-Pagès.

Chi vota?

Dei circa 38.000 abitanti del piccolo principato di 2,02 km², situato al centro della Costa Azzurra ea 30 chilometri dall'Italia, solo il 20% ha diritto di voto. Sono circa 7.600 gli elettori che soddisfano due condizioni: avere almeno 25 anni e nazionalità monegasca.

Come funzionano le elezioni?

Il Consiglio nazionale è eletto con voto misto a turno unico che assegna 16 seggi alla lista di maggioranza. I restanti 8 seggi sono ripartiti proporzionalmente tra le liste che hanno ottenuto più del 5% dei voti.

Cosa c'è in gioco?

I consiglieri votano le leggi e il bilancio, ma non possono mettere in discussione la responsabilità politica del governo o rovesciarlo, poiché l'esecutivo risponde solo ad Alberto II, il principe sovrano.

Secondo Thierry Brezzo della lista dell'Unione Nazionale Monegasca, le principali questioni in gioco in questo prossimo mandato sono:

  1. la firma di un possibile accordo di associazione con l'Unione Europea

  2. la conservazione del modello monegasco e le specificità: "Se non si preserva la priorità nell'assunzione, nell'alloggio, nelle condizioni di accesso agli appalti pubblici o a determinate professioni regolamentate, è l'intero patto sociale monegasco che verrebbe messo in discussione", teme L'avvocato.

Per quante liste si vota?

Due liste sono in corsa per queste elezioni, l'Unione Nazionale Monegasca (UNM) e Nuove Idee per Monaco (NIM).

Nel ruolo di favorito c'è l'UNM , con 13 deputati uscenti guidati da Brigitte Boccone-Pagès, ex insegnante di 63 anni e prima donna eletta presidente del Consiglio nazionale dalla sua creazione nel 1911.

All'opposizione la coalizione NIM, guidata dall'attuale rettore del Consiglio, Daniel Boéri, 78 anni, ex membro della maggioranza. Davanti a una lista di soli 14 elementi, Boeri ammette di aver avuto “difficoltà” a reclutare candidati, a causa di “straordinarie pressioni”. Spera di distinguersi per la "visione" proposta, anche se ammette che queste due liste "non si possono dire abbiano distinzioni ideologiche, ma piuttosto filosofiche".

Qual è il legame tra Monaco e l'Europa?

Come Andorra e San Marino, Monaco è in trattative con l'Unione Europea da marzo 2015 per firmare un accordo di associazione. L'obiettivo è quello di rendere la vita più facile per i cittadini e le imprese all'interno del mercato interno europeo. La sfida più grande è aumentare l'attrattiva economica di Monaco.

L'accordo eliminerebbe, ad esempio, gli ostacoli incontrati dagli operatori economici monegaschi per accedere al mercato interno europeo, garantendo maggiore certezza del diritto nelle operazioni commerciali. Secondo il governo monegasco, un'intesa con Bruxelles consentirebbe anche ai monegaschi di muoversi più facilmente all'interno dell'Unione Europea e consentirebbe agli studenti di frequentare le università europee senza costi aggiuntivi.

Il Consiglio nazionale, tuttavia, ha stabilito limiti alla negoziazione, imponendo regole per il mantenimento della preferenza nazionale in tutti i settori, mantenimento dell'accesso esclusivo dei cittadini all'edilizia popolare, accesso esclusivo dei monegaschi a determinate professioni, autorizzazione preventiva obbligatoria per residenti e imprese per stabilirsi nel territorio monegasco , e il mantenimento del regime dichiarativo per i monegaschi.

PUBBLICITÀ

In un comunicato stampa pubblicato nell'estate 2022, il Consiglio nazionale monegasco ha indicato che le discussioni proseguono "in vista della conclusione dei negoziati su un possibile accordo di associazione entro la fine del 2023". Questo è anche l'auspicio del Consiglio dell'Unione europea. Il ritmo dei negoziati dovrebbe accelerare con lo svolgimento di un incontro mensile tra le due parti.

In caso di accordo, Monaco avrà lo status di "Stato associato" all'Unione europea.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

A Torino i funerali di Vittorio Emanuele di Savoia, letto un messaggio inviato dal Papa

Portogallo: oltre 200mila elettori alle urne per il voto anticipato

Spagna: i popolari vincono le elezioni in Galizia, peggior risultato per i socialisti