La battaglia "più sanguinosa" a Bakhmut e Soledar continua

Fumo sulla città di Soledar, nel Donetsk
Fumo sulla città di Soledar, nel Donetsk Diritti d'autore LIBKOS/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore LIBKOS/Copyright 2023 The AP. All rights reserved.
Di Euronews Agenzie:  ANSA, AP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il gruppo Wagner afferma che Soledar sia nelle mani dei russi, mentre gli ucraini (e in parte il Cremlino) smentiscono

PUBBLICITÀ

Si scorge il fumo in lontananza, sulle città di Bakhmut e Soledar nell'est dell'Ucraina, dove la battaglia in corso è stata descritta come la "più sanguinosa" della guerra.

Il destino di Soledar non è ancora chiaro: il gruppo mercenario russo Wagner afferma di controllare la città, mentre il Cremlino mette in guardia dal dichiarare prematuramente la vittoria. Il servizio di guardia di frontiera ucraina ha pubblicato immagini che mostrano l'esercito di Kiev mentre ferma l'avanzata delle forze russe nella città nel Donetsk.

Attraverso un video Telegram, il presidente Volodymyr Zelensky ha precisato che per il momento la città tiene: "Lo Stato terrorista e i suoi propagandisti stanno cercando di fingere che una parte della nostra città di Soledar - una città che è stata quasi completamente distrutta dagli occupanti - sia presumibilmente una sorta di conquista della Russia. I combattimenti continuano. La linea di Donetsk tiene".

Se la Russia dovesse prevalere a Soledar, sarà fondamentale per l'assalto alla strategica città di Bakhmut, che Mosca vuole ad ogni costo.

La vita quotidiana sotto le bombe

Per più di cinque mesi i continui bombardamenti delle forze del Cremlino hanno devastato Bakhmut. Circa 70.000 persone vivevano lì, ora è rimasto solo il 10% circa della popolazione.

"Il nostro compito è sopravvivere, sia di notte che di giorno. Ecco come la vedo io", racconta Sergej, abitante di Bakhmut. "E ovviamente sarebbe bello poter cucinare qualcosa durante il giorno. Grazie a Dio, la città regge ancora. Bakhmut è una fortezza".

Sebbene sia difficile stabilire chi stia avanzando maggiormente nella regione, è evidente che ci siano state perdite pesanti da entrambe le parti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, a Bakhmut si vive sottoterra per evitare le bombe

Ucraina: Mosca rivendica conquista Soledar, Kiev nega

Ucraina, attacco russo a Dnipro: 8 morti, primo sì da Camera Usa per aiuti a Kiev, Israele e Taiwan