Gruppo lavoro Odg-Procura Terni per diritto di cronaca

Nell'incidente è deceduto un trentaseienne
Nell'incidente è deceduto un trentaseienne
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TERNI, 22 DIC - Coordinare e diffondere le informazioni attraverso un format, tra l'attività delle forze dell'ordine, la Procura e gli organi di informazione: l'iniziativa, promossa dalla Procura generale presso la Corte d'appello di Perugia e l'Osservatorio regionale sull'informazione, è stata avviata nel corso di un vertice presso la Procura della Repubblica di Terni. All'incontro hanno preso parte il procuratore capo, Alberto Liguori, il questore di Terni, Bruno Failla, i rappresentati delle forze dell'ordine, il presidente dell'Ordine dei Giornalisti dell'Umbria, Mino Lorusso, e i membri dell'Osservatorio regionale. "La Procura di Terni, in fase sperimentale - è detto in un comunicato dell'Odg -, darà incarico a un referente interno all'ufficio, di raccogliere e segnalare al procuratore le notizie di reato provenienti dalla polizia giudiziaria e di inoltrarle agli organi di informazione". "Si tratta - ha sottolineato Liguori - di superare le criticità in materia di diritto di cronaca, affidando al personale specializzato il compito di mediare tra la riservatezza delle indagini, il diritto di cronaca e il principio di innocenza". Il questore Failla ha ricordato che "la Polizia ha in organico del personale specializzato in grado di gestire le informazioni, a cominciare da quelle che riguardano la sicurezza del territorio e che direttamente competono all'attività della Questura". A partire dal prossimo gennaio, presso la Procura di Terni, si riunirà un gruppo di lavoro formato da giornalisti, rappresentanti della Procura e delle forze dell'ordine, con l'obiettivo di individuare le modalità utili a veicolare, con tempestività, le informazioni legate alla cronaca locale. "Credo sia un ulteriore passo in avanti, dopo l'istituzione a Perugia dell'Osservatorio regionale sull'informazione - ha osservato Lorusso - per superare le difficoltà introdotte dal decreto sulla cosiddetta 'presunzione d'innocenza'. E' la dimostrazione che il senso di responsabilità e la buona volontà dei singoli prevalgono rispetto alla logica di una norma, la cui applicazione rigida rischia di penalizzare la sfera dei diritti collettivi, senza riuscire a tutelare adeguatamente quelli individuali". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Texas, decine di incendi fuori controllo: bruciati 300mila acri, evacuata fabbrica di armi nucleari

Guerra in Ucraina: Zelensky vola a Ryad e Tirana per discutere della formula di pace

Gaza: Egitto, Giordania, Uae, Qatar e Francia lanciano per via aerea tonnellate di aiuti