Caso Omerovic: arrestato un poliziotto, accusato di tortura

'Quando è precipitato collega più vicino a lui era Ferrari'
'Quando è precipitato collega più vicino a lui era Ferrari'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 21 DIC - Un agente di polizia del commissariato di Primavalle, a Roma, è agli arresti domiciliari per l'accusa di tortura in relazione alla vicenda di Hasib Omerovic, il 36enne precipitato il 25 luglio scorso dalla sua abitazione nel corso di una perquisizione. Nei confronti dell'agente viene contestato anche il reato di falso ideologico commesso da pubblico ufficiale in atti pubblici. L'uomo vittima dell'episodio si trova ancora oggi ricoverato in ospedale per le conseguenze della caduta. Nell'ordinanza il gip parla di atti "di entità grave, commessi in spregio della funzione pubblica svolta, nonché violando fondamentali regole di rispetto della dignità umana". I "ripetuti atti di violenza e minaccia", scrive il giudice, hanno prodotto un trauma in Omerovic, affetto da sordomutismo, che "precipitava nel vuoto dopo aver scavalcato il davanzale della finestra della stanza da letto nel tentativo di darsi alla fuga per sottrarsi alle condotte violente e minacciose in atto nei suoi confronti". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina, cinque civili morti e dieci feriti: attacchi russi in diverse regioni

Gas, alleanza sul biometano tra Italia e Grecia con i fondi Ue per la transizione verde

Elezioni parlamentari e amministrative in Bielorussia: affluenza al 73 per cento