Il deserto di Atacama è una discarica a cielo aperto

L'area di Alto Hospicio nel deserto di Atacama
L'area di Alto Hospicio nel deserto di Atacama Diritti d'autore AFP
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Vestiti usati e automobili in disuso vengono abbandonati da tempo nell'area di Alto Hospicio; il sindaco della cittadina denuncia: "Siamo una discarica per gente senza scrupoli che viene da tutto il mondo".

PUBBLICITÀ

Il Cile è il principale consumatore di moda dell'America latina. Dal porto di Iquique entra nel Paese ogni anno una quantità enorme di vestiti di seconda mano da Asia, Europa, Stati Uniti e Canada. Sono i vestiti fast food, prodotti in gran quantità e che si indossano poco. Quelli che non si vendono finiscono nel deserto di Atacama. Seppelliti, ammucchiati, abbandonati. Possono metterci anche centinaia di anni a degradarsi. La questione è annosa, ma una soluzione non si trova. 

Patricio Ferreira, sindaco di Alto Hospicio, denuncia: "Ci sentiamo abbandonati. Sentiamo che la nostra terra è stata sacrificata ma insisto: sono persone senza scrupolo da tutto il mondo che vengono a scaricare la loro spazzatura qui. È come il cortile. Non siamo più nemmeno il cortile locale, siamo il cortile del mondo, il che è peggio, e non c'è nessuna consapevolezza del problema".

Non solo vestiti, c'è anche una discarica di auto usate

L'anno scorso il servizio doganale nazionale cileno ha registrato l'ingresso di 46.287 tonnellate di indumenti usati dal porto di Iquique. Insieme ai vestiti nella zona di Alto Hospicio c'è anche un cimitero di automobili: stessa filiera stesso ingresso dal porto franco di Iquique, si stima che siano almeno 8400 le carcasse abbandonate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Moria di api negli Stati Uniti, persa più della metà degli alveari

Grilli mormoni invadono il Nevada; guarda le immagini incredibili

Bruxelles, riunione dei ministri dell'Unione europea. Un piano per gli habitat danneggiati