This content is not available in your region

Crisi energetica, Georgieva: "Tutti dobbiamo fare la nostra parte per evitare il razionamento"

Access to the comments Commenti
Di Oleksandra Vakulina
Crisi energetica, Georgieva: "Tutti dobbiamo fare la nostra parte per evitare il razionamento"
Diritti d'autore  euronews   -  

Kristalina Georgieva, direttrice operativa del Fondo Monetario Internazionale, è nostra ospite in The Global Conversation su Euronews. Gli incontri annuali dell'Fmi si sono appena conclusi. Qual è la situazione dell'economia globale?

Nell'ultimo anno l'orizzonte si è notevolmente oscurato. Un anno fa ci stavamo riprendendo dalla pandemia e la crescita globale era superiore al 6%. Poi ci sono stati due shock: Omicron e la guerra della Russia in Ucraina. Non solo hanno interrotto la ripresa, ma l'hanno invertita. La pressione sulle economie europee è tale che ci aspettiamo che la metà dei paesi dell'eurozona sperimenti almeno due trimestri di crescita negativa. In altre parole, una recessione. Per dare un'idea dell'entità del colpo subito dall'Europa, le nostre proiezioni pre-pandemia e quelle attuali differiscono di 500 miliardi di euro. In altre parole, la perdita per i cittadini europei è drammatica, se guardiamo al resto del mondo. La Cina sta rallentando soprattutto a causa della sua politica zero-covid. Gli Stati Uniti non hanno subito lo stesso shock commerciale che sta vivendo l'Europa e quindi si trovano in condizioni migliori. Quindi, in confronto, l'Europa si trova in una posizione più difficile, ma non è la sola a dover affrontare un 2023 molto difficile.

Quando è cominciata l'inflazione, si è detto che sarebbe stata un fenomeno temporaneo, ma ora non sembra così, sta ancora crescendo. Quanto è temporanea questa crescita negativa?

Abbiamo detto che era transitoria perché nessuno di noi poteva prevedere la guerra di Russia. Una volta scoppiata, le condizioni sono cambiate drasticamente e c'è stata una pressione sui prezzi dell'energia e dei prodotti alimentari. Questi effetti sono ancora piuttosto significativi. Se guardiamo al futuro, non voglio indorare la pillola: il 2023 potrebbe essere più duro del 2022. Il prossimo inverno per l'Europa potrebbe essere ancora più rigido di questo. Perché? Perché i responsabili politici europei hanno agito con grande rapidità per riempire gli stoccaggi di gas. Se le condizioni rimangono queste, con la Russia che non fornisce gas all'Europa, come si riempirà lo stoccaggio di gas l'anno prossimo? La domanda chiave oggi in Europa è: può l'Europa rimanere unita e può l'opinione pubblica essere coinvolta in questo momento difficile? Ho un appello da rivolgere a tutti: aiutateci con le misure di risparmio energetico. Tutti possiamo fare la nostra parte questo inverno. Così potremo arrivare alla primavera senza dover ricorrere a misure estreme come il razionamento. Ma sono ottimista sul futuro dell'Europa, perché questa crisi ha accelerato la transizione verde, che creerà crescita e opportunità, così come il Covid ha accelerato la transizione digitale. Questa crisi accelererà la transizione verde.

Lei ha detto che dobbiamo sostenere il passaggio dell'Ucraina dalla fase di emergenza della gestione economica alla fase di ripresa. Quali sono le misure chiave attuate da Kiev, anche insieme al Fmi, per sostenere l'economia? Anche perché stiamo parlando dell'economia di un Paese in cui c'è una guerra.

Innanzitutto, tutta la mia ammirazione al governo e al popolo ucraino. L'unità che dimostrano è un elemento che noi dell'Unione europea apprezziamo. È per questo che l'Ucraina è ora sulla via dell'adesione all'Unione europea. La qualità del governo è davvero impressionante. Hanno una chiarezza di intenti e una disciplina che posso solo ammirare e lodare. Cosa abbiamo fatto insieme alle autorità ucraine subito dopo l'inizio della guerra? Ci siamo concentrati sulle misure da adottare per proteggere l'economia dal collasso. E sebbene si stia contraendo probabilmente del 30-35%, è molto lontana dal collasso. Al contrario, una parte dell'economia europea e dell'economia ucraina sta tornando a crescere.

Lei ha detto che l'Ucraina si sta avvicinando all'Unione europea, con un'integrazione graduale dell'economia ucraina e di alcuni settori. Crede che questo processo di integrazione sia stato accelerato più del dovuto?

Questa guerra è una tragedia per l'Ucraina. Ma ha reso la nazione ucraina più forte e il Paese molto più determinato a compiere i passi necessari per il proprio popolo e per entrare nell'Unione Europea. Stanno facendo grossi sforzi per raggiungere i cittadini ucraini e tenere alto il morale della popolazione, fornendo pensioni e servizi sociali. Un piccolo aneddoto. Ho una famiglia a Charkiv. A maggio, per tradizione, si piantano fiori e alberi. E questo è stato fatto durante la guerra, con i bombardamenti ancora in corso nella zona. Gli sforzi fatti per di tenere unita la nazione vanno nella direzione dell'ingresso nell'Unione Europea. Ho un messaggio per l'Ucraina. In Bulgaria abbiamo un detto. Affrettatevi lentamente. Fate ciò che deve essere fatto. Ma siate prudenti, attenti. In modo che sia fatto bene, per non doverlo rifare in futuro.

Un'ultima domanda: l'invasione della Russia non mostra segni di rallentamento. Abbiamo parlato di cosa succederà all'economia ucraina, ma cosa succederà a quella russa?

L'economia russa si è contratta quest'anno. Si contrarrà anche l'anno prossimo. Le implicazioni per la Russia saranno più gravi nel medio e lungo termine. La fuga dei russi a causa della guerra, soprattutto di quelli altamente qualificati, sta danneggiando la Russia. Sta perdendo il suo ruolo nell'economia globale. Vediamo come la transizione accelerata verso le alternative al petrolio e al gas ridurrà il mercato per la Russia. E' la loro industria principale e con il tempo il suo ruolo continuerà a diminuire.