This content is not available in your region

Borrell, capo della diplomazia europea: "Ulteriori misure restrittive contro la Russia"

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
euronews_icons_loading
New York, 21.9.2022
New York, 21.9.2022   -   Diritti d'autore  Julia Nikhinson/Associated Press

Da New York, dall'Assemblea Generale dell'Onu, arriva il nuovo duro monito dell'Unione europea alla Russia, attraverso la dichiarazione del capo della diplomazia, lo spagnolo Josep Borrell

A seguito di una riunione di emergenza dei ministri degli Esteri dell'Unione europea, mercoledì sera, l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e la politica di Sicurezza ha promesso ulteriori sanzioni alla Russia per l'escalation del conflitto in Ucraina.

Dopo essere stati informati dal ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, i ministri hanno deciso di preparare un ottavo pacchetto di sanzioni contro la Russia e aumentare le forniture di armi all'Ucraina, ha spiegato Borrell ai giornalisti.

"Ulteriori misure restrittive contro la Russia saranno portate avanti immediatamente, il prima possibile, in coordinamento con i nostri partner.
E voglio sottolineare, in particolare, un elemento importante: in linea con la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, l'Ucraina esercita il suo legittimo diritto di difendersi dall'aggressione russa, di riprendere il pieno controllo del proprio territorio e ha il diritto di liberare i territori occupati entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti.
E, per questo, continueremo a sostenere gli sforzi dell'Ucraina, fornendo attrezzature militari per tutto il tempo necessario".
Josep Borrell
75 anni, spagnolo, Alto Rappresentante dell'Ue per gli Affari Esteri
Julia Nikhinson/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Josep Borrell all'Assemblea Generale dell'ONU. (New York, 21.9.2022)Julia Nikhinson/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

"I referendum? Una palese violazione della sovranità dell'Ucraina"

Intanto, nelle città ucraine sotto il controllo russo - nelle regioni di Donetsk, Lugansk, Kherson e Zaporizhzhia - si stanno preparando i primi referendum per l'annessione alla Russia.

Borrell ha aggiunto che l'Ue condanna i referendum illegali nei territori ucraini occupati, come una "palese violazione" della sovranità dell'Ucraina.

"È chiaro che Putin sta cercando di distruggere l'Ucraina", ha sottolineato il capo della politica estera dell'Ue. "Sta cercando di distruggere l'intero Paese con mezzi diversi, poiché sta fallendo militarmente".