This content is not available in your region

Vecchi amici: quando la regina Elisabetta divenne madrina del principe di Serbia

Access to the comments Commenti
Di Gianluca Martucci
euronews_icons_loading
La regina Elisabetta II del Regno Unito è morta giovedì 8 settembre
La regina Elisabetta II del Regno Unito è morta giovedì 8 settembre   -   Diritti d'autore  Ludovic Marin/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Con Elisabetta II, Londra e Belgrado sono state più vicine. Nel 1945, quando era ancora principessa di York, Elisabetta diventò la madrina di Alessandro II Karađorđevic, figlio del re di Jugoslavia Pietro II, all'epoca in esilio a Londra. 

Affinché il principe nascesse sul ruolo patrio, la stanza 212 dell'hotel Cleridjis di Londra dove Alessandro venne al mondo fu ceduta alla Serbia. Ma terminata la seconda guerra mondiale la monarchia serba venne deposta e furono gli stessi amici inglesi ad allontanarsi dalla famiglia in esilio mentre il Paese balcanico si apprestava a diventare una repubblica socialista.

Il voltafaccia dei Windsor

"Il governo e l'élite reale britannica erano molto vicini alla Serbia, perché interessati a esercitare un'influenza nel Paese, ma con i regnanti serbi non ci fu mai una grande amicizia, come a volte ci piace credere: la famiglia reale serba viveva una vita di esilio a Londra ma non riceveva un aiuto sufficiente da i suoi alleati", ci spiega spiega lo storico Cedomir Antic.

Con l'inizio della guerra fredda il Regno Unito decise di rafforzare i legami con il comunista ed ex comandante dei partigiani Josip Broz Tito, per evitare che Belgrado si avvicinasse sempre più al blocco sovietico. La Jugoslavia divenne un Paese socialista neutrale, che di fatto guardava all'Occidente. Il prezzo da pagare per il casato dei Windsor fu quello di voltare le spalle agli ex regnanti serbi. Gli interessi politici spesso non guardano ai legami familiare.   

Il ricordo di Alessandro

"Ricorderò sempre con affetto il suo grande spirito, la sua saggezza e il suo coraggio, è risaputo quanto siano importanti le madrine e i padrini per noi serbi, è un legame speciale e sacro, ed è per questo che è così difficile e duro per me", ha affermato il principe Alessandro II nelle sue condoglianze. Per l'erede Elisabetta "è stata un esempio luminoso del ruolo di un monarca nel mondo di oggi". "Mancherà profondamente al suo popolo e a tutte le persone nel mondo che hanno avuto il piacere di conoscere questa donna straordinaria, un modello e un'ispirazione", ha continuato Alessandro.