This content is not available in your region

Strage alla stazione: guerra sul numero delle vittime, Zaporizhzhia scollegata dalla rete elettrica

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Strage alla stazione in Ucraina
Strage alla stazione in Ucraina   -   Diritti d'autore  AFP

Condanna internazionale unanime a seguito del sanguinoso attacco missilistico russo contro una stazione ferroviaria ucraina, ma è giallo anche sul numero dei morti. 

Secondo Kiev, sono almeno 25 le persone rimaste uccise (tra queste due bambini) e 30 ferite nell'attacco che ha colpito la stazione ferroviaria di Chaplyne, nella regione di Dnipropetrovsk.

Mosca risponde che l'attacco è stato contro un treno militare e 200 militari ucraini sono stati uccisi mentre si dirigevano verso la zona di combattimento.

Nel corso del bombardamento, un missile ha centrato direttamente uno dei vagoni e altri quattro sono stati raggiunti dalle fiamme. 

 La Russia, intanto, ha provveduto a scollegare la centrale nucleare di Zaporizhzhia dalla rete elettrica nazionale ucraina.

Josep Borrell, Alto Rappresentante dell'Unione europea per gli Affari esteri, ha condannato duramente gli atroci attacchi russi ai civili, chiedendo a Mosca di smettere di attaccare l'Ucraina.

"Sei mesi dopo - dice invece Michelle Bachelet, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani - i combattimenti continuano, tra rischi quasi impensabili per i civili, mentre le ostilità si svolgono vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia.

Invito il presidente russo a fermare l'attacco armato contro l'Ucraina, l'impianto di Zaporizhzhia deve essere immediatamente smilitarizzato".

L'attacco nel giorno dell'indipendenza

L'ennesimo attacco ha segnato la ricorrenza per la commemorazione dell'indipendenza dell'Ucraina dall'Unione Sovietica nel 1991.

Secondo Washington, Mosca starebbe anche preparando una serie di "referendum" in tutte le zone ucraine occupate.

"La nostra indipendenza non finirà"

"La nostra indipendenza non è finita e non finirà mai - ha però dichiarato il presidente ucraino Zelensky - e il 32° sarà il nostro Giorno dell'Indipendenza, così come il 33° e i successivi, per tutto il tempo che ci resta, Ucraina per sempre. 

E diventerà ogni giorno più forte: questo lo capiscono tutti, dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu a tutti i Paesi, senza eccezioni".

Per Zelensky, la festa dell'indipendenza è stata l'occasione per ricevere il rinnovato sostegno dei principali alleati della Nato.

Anche se per ragioni di sicurezza non ci sono stati grandi raduni pubblici, il presidente ucraino ha celebrato la giornata dell'indipendenza con la consegna delle medaglie ai soldati per il loro servizio alla Nazione.