Sorpassati da bus, ciclisti aggrediscono autista

Nel Savonese. La conducente è stata portata in ospedale
Nel Savonese. La conducente è stata portata in ospedale
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - SAVONA, 13 GIU - Una autista del trasporto pubblico locale del Savonese è stata aggredita ieri da due ciclisti che le hanno teso un agguato dopo essere stati sorpassati dal mezzo all'altezza di Zinola. La donna, 45 anni, in servizio sulla linea 40, è stata ricoverata all'ospedale San Paolo di Savona dove le sono state riscontrate lesioni alle mani e alle braccia ed escoriazioni. La vicenda è raccontata sulla Stampa e sull'edizione di Savona de Il Secolo XIX. Secondo quanto raccontato dalla donna e dai passeggeri, i due ciclisti, un uomo e una donna, hanno posizionato una delle due biciclette davanti al bus in modo da impedire al mezzo di ripartire dopo la fermata. La ciclista è salita sul mezzo e, nonostante le paratie impedissero di raggiungere l'autista, si è buttata sul cruscotto raggiungendo la donna alla guida e iniziando a picchiarla. All'intervento di un passeggero, l'aggressore è scesa e, in fretta e furia, sia lei che il compagno hanno recuperato le biciclette e sono fuggiti. La conducente Tpl per evitare di interrompere il servizio si è rimessa alla guida ed è riuscita ad arrivare sino a Spotorno dopo avere contattato la dirigenza aziendale e i soccorritori. A Spotorno si è fermata ed è stata accompagnata al pronto soccorso del San Paolo. Dove è stata poi dimessa con una prognosi di una settimana. A Spotorno sono intervenuti anche i carabinieri che indagano per risalire agli aggressori. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 05 marzo - Pomeridiane

Primarie Usa, attesa per il Super tuesday: dove si vota e cosa aspettarsi

Sequestro di droga record in Martinica, requisite oltre otto tonnellate di cocaina