Noi Rete Donne, al lavoro per la democrazia paritaria

A Roma meeting network femminile contro discriminazione genere
A Roma meeting network femminile contro discriminazione genere
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ROMA, 08 GIU - "Se non è Paritaria non è Democrazia": è sempre questa, fin dalla sua fondazione oltre 10 anni fa, la missione portata avanti da Noi Rete Donne, network nazionale co-fondato da Marisa Rodano - prima vicepresidente Camera dei Deputati, senatrice ed europarlamentare oggi ultracentenaria - insieme a Daniela Carlà, del quale il 7 giugno si è svolto il meeting annuale a Roma a Villa Torlonia. All'evento, organizzato in presenza dopo un anno di incontri tematici e approfondimenti in remoto, sono intervenute circa 200 donne provenienti da tutta Italia, professioniste autorevoli attive nel campo accademico, nell'imprenditoria, nel terzo settore, nella comunicazione, nel management pubblico e privato, dalla vice presidente della LUISS Paola Severino, già ministra del governo Monti, alle magistrate Gabriella Luccioli Paola Di Nicola e Antonietta Carestia, dalla commissaria Agcom Elisa Giomi alle giornaliste Simona Sala, Giuseppina Paterniti, Elisabetta Stefanelli e Alessandra Mancuso, e poi la cardiochirurga pediatrica Sonia Albanese, le economiste Giovanna Badalassi e Marcella Corsi, l'accademica Laura Moschini, la consigliera nazionale di Parità Franca Cipriani. L'incontro ha rappresentato un'occasione non solo per ribadire l'urgenza del superamento di ogni discriminazione di genere in tutti i settori ma anche per progettare e avanzare proposte concrete, rigorose e praticabili. Indispensabile per le protagoniste di Noi Rete Donne è la costante attività di Lobbying, utile a raggiungere il riequilibrio di genere in ogni sorta di assemblea elettiva, nelle giunte e nel governo, a ottenere al più presto una legge sulle designazioni paritarie in tutte le nomine e a fare avanzare strategie paritarie nelle imprese nel mondo del lavoro, per rendere trasparente l'utilizzo delle risorse pubbliche anche attraverso la leva del gender procurement. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Patenti di guida: primo ok del Parlamento europeo alla revisione delle norme

Artico, dove le renne contrastano i cambiamenti climatici

Olimpiadi, rubata su un treno a Parigi una borsa con dettagli sulla sicurezza dei Giochi