Ucraina: da inferno Mariupol ad 'adozione' in scuola a Milano

Nappo, non si può rimanere indifferenti a dolore degli innocenti
Nappo, non si può rimanere indifferenti a dolore degli innocenti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - Oryna, Sofiia, Kateryna, Mladenova, Lev, Olha: sono alcuni dei nomi degli otto ragazze e ragazzi ucraini, dai 14 ai 17 anni, sei femmine e due maschi, sfuggiti all'inferno della guerra a Mariupol, nel Donbass e a Kiev. Chi ha perso un genitore, chi ha un padre che è stato arruolato per difendere la nazione dopo l'invasione della Russia, chi rimanendo in Ucraina avrebbe rischiato la morte sotto i bombardamenti. Ora sono salvi: sono stati 'adottati' dalla scuola Freud di Milano tramite la Fondazione Sant'Ambrogio, una onlus ente del terzo settore. Di certo gli adolescenti non potevano più studiare e non erano più in grado di condurre la vita normale di ogni giovane che guarda a un futuro pieno di speranze, sogni, opportunità. A dare loro nuovamente un percorso concreto è stata la scuola superiore che si occuperà completamente, e gratuitamente, del loro sostentamento e della loro formazione. Tutti sono stati iscritti all'Istituto Turistico ed è stato previsto un percorso preciso e strutturato - già iniziato in questi giorni - per consentire un loro inserimento nella nostra realtà. Le tappe, in sintesi, sono l'accoglienza, il supporto psicologico, l'alfabetizzazione della lingua italiana grazie a docenti di russo, il miglioramento dello studio dell'inglese per chi ha già una conoscenza della lingua e per tutti in seguito il regolare insegnamento. "Non potevamo rimanere indifferenti all'immane tragedia dovuta all'invasione della Russia - spiega Daniele Nappo, direttore del Freud che ha coordinato il 'Progetto Adozione' -. Abbiamo accolto questi ragazzi spaventati, frastornati, costretti a un esodo non voluto. Non è giusto che debbano soffrire e che il loro futuro sia compromesso. Ed è per questo motivo che potranno fare tutto il percorso delle superiori nella speranza che il loro futuro sia migliore del presente. Sono ragazzi innocenti come tutti, non meritano il dolore e di essere abbandonati". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come viene visto l'attacco a Israele in Iran?

Vendetta, geopolitica e ideologia: perché l'Iran ha attaccato Israele

Gaza, Hamas rifiuta la proposta israeliana di cessate il fuoco e difende Teheran: Attacco meritato