EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ucraina: a Chmelnyzkyj l'ospedale che curerà traumi guerra

Progetto della Chiesa di Kamianets,seminario dividerà suoi spazi
Progetto della Chiesa di Kamianets,seminario dividerà suoi spazi
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CHMELNYZKYJ, 07 MAG - Il caseggiato di tre piani è stato già tirato su, ora il cantiere è al lavoro per completare gli interni. A Chmelnyzkyj, al centro dell'Ucraina, aprirà, subito dopo l'estate, il primo centro della Chiesa per curare i militari traumatizzati dalla guerra e anche coloro che resteranno mutilati ed avranno bisogno di riabilitazione. Il progetto è della diocesi di Kamianets-Podilskyi. In realtà il cuore della struttura è un nuovo seminario ma, a partire dal 24 febbraio, la situazione del Paese è cambiata e la Chiesa ha deciso di fare posto, accanto ai locali per i futuri sacerdoti, ad un ospedale che dovrà curare le ferite più profonde della guerra, quelle che lasceranno traumi e disabilità, che richiederanno psichiatri e fisioterapisti. A sostenere la realizzazione del seminario, che per l'emergenza della guerra ospiterà già a settembre le vittime della guerra, quelle che hanno bisogno di cure più lunghe e profonde, c'è anche la fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre. "Questo è un grande investimento per Acs - spiega il direttore Alessandro Monteduro in questi giorni in missione in Ucraina - e la fondazione, che ha sostenuto il progetto del seminario fin dal 2019, trasferirà, nel mese di giugno, un ulteriore finanziamento di 500mila euro". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"