EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Colombia, veicoli in fiamme per lo "sciopero armato" dopo l'estradizione di Otoniel

Il boss del narcotraffico Otoniel.
Il boss del narcotraffico Otoniel. Diritti d'autore أ ب
Diritti d'autore أ ب
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il cosiddetto "sciopero armato" è stato indetto come rappresaglia per l'estradizione negli Stati Uniti del boss Otoniel.

PUBBLICITÀ

Un centinaio di veicoli sono stati bruciati in Colombia durante il primo giorno di "sciopero armato" indetto ieri dal "Clan del Golfo", la più grande organizzazione criminale del Paese. Durante questo "sciopero", i gruppi criminali obbligano scuole e negozi a chiudere e ostacolano il passaggio di veicoli pubblici e privati per le strade del Paese, arrivando a minacciare anche veicoli scortati dall'Esercito.

JOAQUIN SARMIENTO/AFP or licensors
Decine di veicoli sono stati bruciati dal Clan del Golfo.JOAQUIN SARMIENTO/AFP or licensors

Questo cosiddetto sciopero armato è stato indetto come rappresaglia per l'estradizione negli Stati Uniti del bossDairo Antonio Úsuga David, alias Otoniel, arrestato qualche mese fa.

-/AFP
Il boss del narcotraffico Otoniel.-/AFP

“Non si tratta solo del narcotrafficante più pericoloso al mondo, ma anche di un assassino di leader sociali, molestatore di bambini e adolescenti, assassino di poliziotti. Uno dei criminali più pericolosi del pianeta“, aveva dichiarato il presidente colombiano Iván Duque Márquez.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, nessun accordo per un cessate il fuoco, commissione Onu: compiuto sterminio

Stati Uniti, condannato il figlio di Biden Hunter: "Rispetto la giustizia" dice il presidente Usa

Gaza, Egitto: parere "positivo" di Hamas a tregua, raid di Israele su Striscia, Libano e Siria