EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Marine Le Pen perde le elezioni, ma stravince nei territori d'oltremare

Marine Le Pen
Marine Le Pen Diritti d'autore AP Photo/Michel Spingler
Diritti d'autore AP Photo/Michel Spingler
Di Samuele Damilano
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La candidata del Rassemblement National si afferma in sette territori, o collettività, d'oltremare su dieci: "Vogliamo dare voce a questa Francia dimenticata"

PUBBLICITÀ

Marine Le Pen ha perso per la seconda volta di fila le elezioni presidenziali francesi. I risultati del voto, tenutosi ieri, 24 aprile, hanno incoronato nuovamente Emmanuel Macron, con il 58,5 per cento dei voti. Contro il 41, 5 della candidata del _Rassemblement National. _

Pur ritenendosi soddisfatta del risultato, il migliore del partito, costola del Front National del padre Jean-Marie, da quando si è presentato alle elezioni, la sua campagna elettorale non è bastata a convincere i cittadini francesi.

Ma i temi su cui ha puntato, come il potere d'acquisto e la riduzione delle tasse l'hanno resa popolare nei territori francesi d'oltremare. Qui Le Pen ha vinto in sette territori su 10, toccando il 69, 6 per cento in Guadalupe, il 60,87 nell'isola di Martinica e il 60,7 nella Guiana francese.

"I miei ringraziamenti vanno particolaramente ai nostri compatrioti delle province e delle campagne, ma ugualmente ai territori d'Oltremare, che mi hanno largamente premiato al primo posto nel secondo turno, con un'energia straordinaria che mi tocca e mi onora sinceramente", ha detto Le Pen nel discorso a margine del risultato delle elezioni. "Questa Francia troppo dimenticata, noi non la tralasceremo mai"

"Ci sono problemi di lungo corso, a partire dalla mancanza di acqua. Io sono un'infermiera, vado a casa dei clienti e non c'è l'acqua per lavare le persone", lamenta a Euronews una signora che vive a La Reunion, dove Le Pen ha ottenuto il 59,57 per cento. "Abbiamo fatto presenti questi problemi, ma niente è stato fatto. Ci sono colleghe licenziate, in sciopero, il potere di acquisto è diminuito. Eppure nessuno dice niente. Quindi è normale che la popolazione reagisca. E onestamente i risultati del voto del territorio oltremare non mi sorprendono affatto".

"Penso che gli abitanti di Guadalupe abbiano voluto punire Macron per le sue decisioni e per la crisi sociale che queste hanno provocato", ha detto un altro abitante de La Reunion. "Penso tuttavia che questo non era il buon momento per farlo".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sovranisti riuniti a Roma, Salvini: "No a von der Leyen, Macron guerrafondaio"

I partiti europei di estrema destra festeggiano la vittoria di Geert Wilders in Olanda

Elezioni in Thailandia, trionfano le opposizioni