This content is not available in your region

L'Ucraina aspetta il segretario di Stato Usa, Blinken, e conta le sue vittime

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo  Agenzie:  ANSA
euronews_icons_loading
Odessa bombardata
Odessa bombardata   -   Diritti d'autore  AP / Max Pshybyshevsky

Almeno otto persone sono morte a Odessa, presa di mira dai missili russi sabato. Secondo Mosca il raid era diretto su un campo dell'aviazione militare, ma è rimasta colpita almeno un'abitazione civile, come si vede dalle immagini in cui si osservano i vigili del fuoco soccorrere i superstiti.

"L'unico scopo degli attacchi missilistici russi su Odessa è il terrore - è il commento del ministro degli Esteri ucraino Dmitro Kuleba - La Russia deve essere designata come Stato sponsor di terrorismo e trattata di conseguenza. Basta con gli affari, nessun contatto né progetto culturale. Serve un muro tra la civiltà e i barbari che colpiscono città pacifiche con i missili".

Kiev: "Tentato assalto all'acciaieria"

Dai rifugi sotterranei dell'acciaieria Azovstal di Mariupol, dove non si fermano i combattimenti tra ucraini assediati, esercito russo e ceceni, arriva un video in cui si vedono decine di civili in condizioni drammatiche. Tra loro anche bambini piccoli. Le evacuazioni continuano a essere impossibili.

Sulla necessità di corridoi umanitari è tornato anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in una conferenza stampa allestita per sicurezza in una stazione della metropolitana.

"Ribadiamo che siamo disposti a qualsiasi scambio per liberare la nostra gente, bloccata in questa terribile situazione, attaccati da ogni parte - ha detto - Ma quando sento il presidente russo annullare apparentemente l'assalto all'acciaieria mentre dopo due ore ricomincia il bombardamento...allora qualsiasi fiducia viene meno. Apriamo almeno un dialogo pragmatico". Zelensky ha poi annunciato per domenica l'arrivo a Kiev del segretario di Stato americano Antony Blinken e di aspettare anche Mario Draghi.

Crimini di guerra

Quella che sembra una nuova fossa comune è stata individuata dalle immagini satellitari a Manhush, vicino Mariupol. Le immagini mostrano lunghe file di scavi in un'area adiacente il cimitero della città portuale, dove si pensa che possano essere sepolte le vittime civili ucraine.

Per la società americana Maxar le immagini indicano che l'espansione della fossa sia iniziata tra il 23 e il 26 marzo e proseguita nelle ultime due settimane. Secondo l’amministrazione locale, la fosse potrebbe contenere fino a 9 mila corpi.

"Gli investigatori forensi stanno documentando crimini di guerra nella regione di Kiev dopo il ritiro delle truppe russe", ha fatto sapere il 21 aprile la polizia ucraina. Intanto i corpi di altri nove civili, alcuni dei quali con segni di tortura, sono stati trovati nella città di Borodyanka, vicino alla capitale ucraina.

"In queste otto settimane - ha dichiarato Ravina Shamdasani, portavoce dell'Alto commissariato Onu per i diritti umani - il diritto umanitario internazionale non è stato semplicemente ignorato, ma apparentemente accantonato, poiché le forze armate russe hanno bombardato indiscriminatamente aree popolate, uccidendo civili e distruggendo ospedali, scuole e altre infrastrutture civili, azioni che potrebbero equivalere a crimini di guerra".

Informazioni contrastanti

A Kharkov, bombardata sabato pomeriggio, quattro persone sono rimaste uccise. Le Regioni orientali e meridionali sono da giorni sotto il fuoco intenso. Ma non è chiaro con quali risultati.

Secondo l'intelligence britannica la campagna militare russa sarebbe in stallo a est come anche nel sud. Ma per Kiev ci sono "decine di piccoli centri abitati caduti in mano russa", in un'avanzata che procede lenta a Donetsk e Lugansk. Per questo Zelensky è tornato anche a sollecitare l'arrivo di armamenti:

"Ci aspettiamo che gli Stati Uniti ci sostengano con la Germania affinché ci dia quello che non usa e che ci serve". Ha detto rispondendo a una domanda sulle forniture di armi in vista della riunione degli alleati a Ramstein del 26 aprile.