This content is not available in your region

Chi sostiene l'Ucraina a livello mondiale?

Access to the comments Commenti
Di Stefan Grobe
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  SERGEY BOBOK/AFP or licensors

La guerra in Ucraina è entrata in una nuova fase questa settimana quando la Russia ha iniziato la sua tanto temuta offensiva nell'Ucraina orientale. L'obiettivo principale era la città di Mariupol, dove i soldati ucraini mantenevano il controllo dell'acciaieria.

La Russia ha bombardato la fabbrica con artiglieria e raid aerei e Mosca ha chiesto la resa delle truppe. Anche la città di Kharkiv è stata oggetto di un nuovo attacco.

La situazione militare è stata al centro dei colloqui tra il presidente ucraino e il presidente del Consiglio Ue Charles Michel, che questa settimana si sono recati a Kiev.

Ancora una volta Michel ha denunciato l'aggressione russa e ha sottolineato l'unità europea a sostegno dell'Ucraina.

Così Charles Michel, presidente del Consiglio Ue: "L'obiettivo del Cremlino è distruggere la sovranità dell'Ucraina, è anche dividere l'Unione Europea, e non ci riuscirà. Recentemente abbiamo dimostrato anche in circostanze difficili che i 27 Stati membri, siamo stati sistematicamente in grado di prendere decisioni tutti insieme unanimità."

Michel ha sottolineato gli sforzi internazionali coordinati per mobilitare fondi a sostegno dell'Ucraina, per fornire attrezzature militari e aiuti umanitari.

Nel frattempo, la guerra in Ucraina continua a provocare conseguenze su scala globale. Questa settimana, alle riunioni di primavera del FMI e della Banca mondiale a Washington, sono stati ascoltati di nuovo alcuni severi avvertimenti che la guerra in Ucraina porterà la fame in alcune parti del mondo – e questo per un bel po' di tempo.

David Malpass, presidente della Banca Mondiale: “La guerra e le sue conseguenze stanno mettendo sotto stress i poveri di tutto il mondo. (…) Uno dei principali meccanismi di trasmissione è la carenza di cibo, di energia e di fertilizzanti. I fertilizzanti e l'energia sono fondamentali per il ciclo colturale, si stanno basando le basi per una insicurezza alimentare che durerà mesi e probabilmente fino al prossimo anno".

L'insicurezza alimentare globale innescata dalla Russia, insieme all'unità occidentale e alla determinazione a sostenere l'Ucraina, può dare l'impressione che ci sia una risposta internazionale unita all'invasione di Vladimir Putin.

Ma non è così: la lotta per l'indipendenza e la sovranità dell'Ucraina non è una causa globale e alla maggior parte dei governi non sembra importare.

Per maggiori approfondimenti parliamo con Bruce Jones, ricercatore presso la Brookings Institution di Washington.

Euronews: Ci sono quasi 200 paesi nel mondo e la maggior parte di loro non ha fornito alcun aiuto all'Ucraina o approvato sanzioni contro la Russia. Questo conflitto è visto in molte parti del mondo come una sorta di guerra puramente europea del 19° secolo?

Bruce Jones: Penso che sia proprio così. In alcune parti del mondo è visto come una specie di scontro di poteri del 19° secolo. E alcuni paesi si stanno sforzando molto di stare alla larga, evitare di essere presi nel mezzo o preservare le loro relazioni con la Russia per una serie di motivi. Penso che si preoccupino della risposta dell'Occidente e delle sanzioni che gli effetti avranno. Temono che pagheranno un prezzo economico in prezzi alimentari e la perdita di aiuti e un altro in altri modi. Non credo che pensino che sia un problema europeo, ma pensano che sia un problema di grandi potenze, non un problema loro.

Euronews: Alcune democrazie come l'India, il Sud Africa e la Bolivia non hanno condannato la Russia alle Nazioni Unite, ma si sono astenute. Altri come Brasile e Israele hanno votato sì, ma nella migliore delle ipotesi erano tiepidi sulle sanzioni. Quali sono le loro motivazioni?

Bruce Jones: Ognuno di loro, per una serie di ragioni diverse, ha relazioni molto importanti con la Russia. Prendiamo l'India, la Russia è il suo più importante fornitore per la difesa. È l'unico paese disposto a condividere l'alta tecnologia con l'India. Il programma indiano per i missili ipersonici, ad esempio, è sviluppato in collaborazione con la Russia. Sono stati sempre molto chiari nelle loro dichiarazioni pubbliche. Sono contrari a ciò che la Russia sta facendo, ma non erano disposti ad arrivare a votare contro di loro. Stanno cercando di preservare quella relazione era importante per loro. Israele ha una relazione importante e multidimensionale con la Russia, il Brasile attraverso i BRICS. Quindi, tutti questi paesi hanno relazioni importanti con la Russia. Non significa che siano contenti di quello che sta facendo la Russia, ma non vogliono essere visti come parte della risposta dell'Occidente.

Euronews: Dal punto di vista di Putin, queste divisioni sul fronte antirusso sono piuttosto incoraggianti o sono irrilevanti?

Bruce Jones: Le cose non cambiano molto per la Russia perché i paesi che sono rimasti alla larga dalle sanzioni, per la maggior parte non sono il tipo di paesi le cui sanzioni farebbero male o le cui forniture di armi danneggerebbero. E penso che sia stato più colpito dalla convergenza dell'Occidente, dalla partecipazione dei principali alleati asiatici nello sforzo di sanzionare la Russia.

Euronews: Se il voto delle Nazioni Unite fosse preso oggi, ci sarebbe lo stesso risultato nonostante le presunte atrocità e crimini di guerra che sono emersi?

Bruce Jones: Penso che se si tenesse oggi, ci sarebbero più voti contro la Russia. Lasciatemi dire questo: se una coalizione di paesi del sud introducesse una risoluzione, condannare le azioni russe avrebbe un sostegno schiacciante. Se l'Occidente introducesse una risoluzione, potrebbe non avere lo stesso grado di sostegno.

Potrebbe non esserci supporto per l'Ucraina in India o in Cina, ma c'è in Giappone. Questa settimana una compagnia ferroviaria locale nella provincia occidentale di Kagawa ha iniziato a far funzionare un treno con i colori blu e giallo della bandiera ucraina, in segno di solidarietà con gli operatori ferroviari in Ucraina.

Il treno mostra messaggi in inglese e giapponese. La compagnia ferroviaria è rimasta sbalordita dal modo in cui il personale ferroviario in Ucraina sta lavorando per trasportare molti sfollati e consegnare i beni necessari, rischiando costantemente la vita.

I piani sono per la compagnia di far funzionare il treno fino a novembre. La società sta anche raccogliendo donazioni da inviare all'ambasciata ucraina a Tokyo.