Visita in Vaticano: Orbán inaspettato alleato pacifista di Papa Francesco

Viktor Orbán entra in Vaticano, sotto lo sguardo vigile delle Guardie Svizzere. (21.4.2022)
Viktor Orbán entra in Vaticano, sotto lo sguardo vigile delle Guardie Svizzere. (21.4.2022) Diritti d'autore Andrew Medichini/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Andrew Medichini/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Paolo Alberto Valenti - Cristiano Tassinari - Ansa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il premier ungherese Viktor Orbán, in visita in Vaticano, è stato lodato da Papa Francesco per l'accoglienza dell'Ungheria ai rifugiati ucraini e per non aver dato armi all'Ucraina per la guerra. Un'alleanza inaspettata con il leader europeo (e della Nato) più vicino a Putin

PUBBLICITÀ

Visita cordiale, in Vaticano, del premier ungherese Viktor Orbán (58 anni), ricevuto giovedì mattina, in udienza privata, da Papa Francesco.

Si è trattato della prima visita ufficiale all'estero del capo del governo magiaro, dopo le elezioni di inizio aprile che lo hanno riconfermato alla guida dell'Ungheria per il quarto mandato consecutivo.

È stato, altresì, il primo faccia a faccia ufficiale - durato 40 minuti - in Vaticano tra Papa Francesco e il premier Orbán, il leader dell'Unione europea e della Nato più vicino a Vladimir Putin.

Nell'occasione, Papa Francesco ha lodato l'Ungheria per la sua opera di accoglienza dei rifugiati e ha trovato un inaspettato alleato pacifista in Orbán: il premier ungherese, infatti, non ha inviato armi in Ucraina e, nonostante le sue note idee anti-migranti, ha spalancato le porte dell'Ungheria ai rifugiati ucraini in fuga dalla guerra.

Screengrab by AP Video
Insieme, in Vaticano. Papa Francesco e Viktor Orbán. (21.4.2022)Screengrab by AP Video

Orbán ha regalato al Pontefice due libri sul compositore ungherese Béla Bartók e un breviario per la Settimana Santa del 1780, in inglese e in latino.

Papa Francesco ha omaggiato Orbán del medaglione che ritrae San Martino (ungherese e venerato anche dalla Chiesa ortodossa) mentre divide il suo mantello per darlo al povero.

Con una battuta, Orbán ha ricordato che San Martino ha dato al povero soltanto la metà del suo mantello, suscitando a Papa Francesco una spontanea risata.

"Dio la benedica, benedica la sua famiglia e l'Ungheria".
È la frase pronunciata dal Papa in inglese, salutando Orbán al termine dell'incontro in Vaticano.

"Noi la aspettiamo", ha replicato il premier ungherese, invitando di fatto il Pontefice a visitare l'Ungheria dopo dopo la visita-lampo avvenuta lo scorso 12 settembre, in occasione della Messa di chiusura del Congresso eucaristico internazionale.

Screengrab by AP video
Papa Francesco con il premier Viktor Orban e la moglie Aniko Levai.Screengrab by AP video
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Papa nel giorno di Pasqua: "Pace per la martoriata Ucraina e tutte le guerre"

Papa Francesco in Ungheria chiede sforzi maggiori per la pace per l'Ucraina

Ungheria: cosa pensano gli elettori delle elezioni europee