This content is not available in your region

Presidenziali in Francia: Macron e la chiamata al voto contro la destra

Access to the comments Commenti
Di Cyril Fourneris
euronews_icons_loading
La sfida elettorale in Francia
La sfida elettorale in Francia   -   Diritti d'autore  Charly TRIBALLEAU / AFP

A pochi giorni dal secondo turno delle elezioni presidenziali francesi, Emmanuel Macron sta lanciando ripetuti appelli per bloccare Marine Le Pen.

Il cosiddetto "fronte repubblicano'' contro l'estrema destra è stato una tradizione in Francia negli ultimi decenni, ma molti elettori - soprattutto di sinistra - si rifiutano ora di scegliere.

I giovani elettori sono indecisi

Le voci dei giovani elettori esprimono il dubbio: "Voterò in bianco - dice uno studente - È la mia prima elezione presidenziale e non voglio costringermi a votare Macron che non è la mia scelta".

"Non ha fatto un grande lavoro negli ultimi cinque anni per unirci, quindi non vedo perché dovrebbe cambiare" commenta una giovane elettrice mentre un'altra spiega che l'assenza di una vera alternativa è il problema: "Non c'è uno migliore dell'altro. Quando sento dire che non si dovrebbe dare il proprio voto all'estrema destra, non vedo a chi lo si dovrebbe dare".

Il fronte repubblicano contro l'estrema destra

Fortunatamente per il partito di Macron, La République en Marche, molti francesi intendono ancora votare contro Marine Le Pen.

La missione degli attivisti negli ultimi giorni è di convincere gli indecisi a votare. Barbara Granatelli è una di loro: "Votare in bianco significa votare Marine Le Pen. Significa permetterle di andare al potere. Non si tratta più di essere d'accordo o meno con Macron, ma di essere d'accordo con lo Stato di diritto, la Repubblica, l'Europa, i valori che sono alla base della nostra società".

"Bisogna fare di più"

La maggioranza della classe politica francese ha chiamato a votare per Emmanuel Macron, che è ancora il favorito alle elezioni. Ma gli esperti avvertono che l'equilibrio di potere non è lo stesso di cinque anni fa.

Martial Foucault è direttore del Cevipof. Dice che i tempi sono cambiati: "Il fronte repubblicano non può bastare a mobilitare l'elettorato di Jean-Luc Mélenchon e, più in generale, l'elettorato di sinistra, i Verdi, il Partito socialista, il Partito comunista. Quindi, c'è un rischio nel costruire una strategia del secondo turno solo intorno al fronte repubblicano. Dovranno fare di più per evitare che questi elettori si allontanino dalle urne".

Fare di più: ci prova Emmanuel Macron, che sta facendo un passo indietro sull'età pensionabile e sta promettendo una "pianificazione ecologica" , come proposto da Jean-Luc Mélenchon.

Nel 2002, quando il padre di Marine Le Pen ha raggiunto il secondo turno delle elezioni, il fronte repubblicano era molto più visibile.

Vent'anni dopo, ci sono molte riserve e bisognerà aspettare fino a domenica per vedere cosa sarà veramente.