This content is not available in your region

Shanghai, serrata Covid: frena l'economia, è calo del Pil

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Controlli anti Covid
Controlli anti Covid   -   Diritti d'autore  Beibei/AP

A Shanghai l'imperativo è categorico: non sottovalutare il Covid, nonostante i decessi si contino sulle dita di una mano, e non derogare alla politica di tolleranza zero per arginare la pandemia. 

Le autorità rispondono al picco di contagi con una serrata che si traduce nella difficoltà di reperire cibo, medicine e beni di prima necessità per i cittadini.

La variante omicron ha finora prodotto 320.000 casi nella capitale finanziaria del paese - oltre 22mila solo nel fine settimana - costituendo il 95% dei nuovi contagi della Cina continentale. Le vittime sono per ora 3.

Molte persone si sono rifiutate di essere trasferite nei centri di isolamento del governo, allestiti dalle autorità per accogliere i residenti positivi, anche asintomatici.
Si tratta di strutture che - secondo molti - non rispettano le condizioni minime di igiene.

La nuova ondata di Covid non aiuta l'economia.
Nel primo trimestre, la crescita cinese è stata del 4,8%, al di sotto dell'obiettivo annuale posto dal Partito Comunista, pari al 5,5%. 

I primi tre mesi del 2022 non prendono in considerazione il blocco di Shanghai e il suo impatto sull'economia, quindi molti investitori temono che il tasso del Prodotto interno lordo possa scendere ulteriormente .