This content is not available in your region

Sacramento ospita una comunità ucraina radicata sul territorio pronta ad ospitare connazionali

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
un ristorante che serve specialità ucraine
un ristorante che serve specialità ucraine   -   Diritti d'autore  AP Photo

Mentre gli Stati Uniti si preparano ad accettare 100.000 rifugiati di guerra , le comunità ucraine esistenti in città come Sacramento si stanno già mobilitando per fornire cibo, riparo e sostegno alle persone in fuga dalle loro case.

 Vanassa Hamra è una manager addetta al personale della  comunità World Relief:

"Dopo la caduta dell'Unione Sovietica, un sacco di ucraini e persone provenienti da paesi dell'ex Unione Sovietica sono venuti a Sacramento. Quindi c'è una base comunitaria incredibilmente forte qui, qualcosa come 20.000 ucraini nell'area di Sacramento e una rete molto forte di chiese, imprese e collegamenti. Così quando le persone arrivano si sentono già parte di una comunità ".

Proprio come racconta il pastore della Chiesa del Pane Eduard Kislyanka:

"Abbiamo creato un sistema di famiglie ospitanti che possono accogliere i rifugiati che arrivano qui. La maggior parte di loro arriva illegalmente, attraversando il confine con la California e sparpagliandosi".

Anche il cibo gioca un ruolo fondamentale nell'integrazione. Negozi di alimentari e ristoranti dell'Europa orientale offrono borscht, un tipo di zuppa di barbabietole; varenyky, uno gnocco bollito; e caramelle ucraine, bevande e altri cibi. Le imprese locali avviate dagli ucraini cercano poi di assumerne altri provenienti dal loro paese.

 Oleksandra Datsenko è una immigrata dall'Ucraina:

'Mio fratello è ancora in Ucraina e vive quasi in un rifugio antiatomico ... viene voglia di piangere e non si capisce come sia successo nel 21° secolo".

Gli ucraini hanno cominciato ad arrivare a Sacramento alla fine degli anni '80 e all'inizio degli anni '90, molti erano cristiani che approfittavano di una legge statunitense che offriva l'ingresso a chiunque fuggisse dalla persecuzione religiosa nell'ex Unione Sovietica. Un'altra ondata di rifugiati è arrivata dopo l'invasione iniziale della Russia in Ucraina nel 2014.