EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Protezionismo alla serba: stop alle esportazioni in Europa di grano, farina, mais e olio

Aleksandar Vučić, il presidente serbo, sembra soddisfatto della sua decisione.
Aleksandar Vučić, il presidente serbo, sembra soddisfatto della sua decisione. Diritti d'autore Euronews Serbia
Diritti d'autore Euronews Serbia
Di Nataša Jovanović (Euronews Serbia) - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Secondo gli economisti, la decisione del presidente serbo Aleksandar Vučić potrebbe avere effetti positivi sul breve periodo, ma non a lungo termine

Protezionismo alla serba

PUBBLICITÀ

A partire da questo giovedì 10 marzo, il grano, la farina, il mais e l'olio della Serbia non saranno più esportati in altri paesi europei.

Secondo il presidente serbo Aleksandar Vučić (52 anni), l'obiettivo di questa decisione è proteggere il mercato interno.

Il prezzo del grano è salito bruscamente, così come le richieste di importazione del grano dalla Serbia.

"In un giorno abbiamo avuto una richiesta per un quarto delle nostre riserve totali", spiega Vučić.
"La richiesta di cereali nella regione balcanica è enorme, i prezzi sono saliti alle stelle, tutti devono fornire pane alla loro popolazione. Ecco perché abbiamo preso questa decisione".

Darko Vojinovic/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Aleksandar Vučić, il presidente della Serbia.Darko Vojinovic/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

La Serbia - considerato da molti il terzo "granaio d'Europa" dopo Ucraina e Georgia - esporta grano soprattutto verso i Paesi dei Balcani.

Paesi come l'Albania e la Bosnia-Erzegovina dipendono molto dalle importazioni di grano dalla Serbia e dall'Ungheria, ed entrambi i paesi hanno annunciato delle restrizioni nel loro export di settore.

Gli economisti avvertono: la decisione di vietare le esportazioni era attesa, può essere una scelta positiva nel breve, ma non nel lungo termine.

Commenta Aleksandar Vlahovic, presidente dell'Associazione degli Economisti della Serbia:
"Questa scelta non è insolita, molti Paesi hanno già reagito in modo simile. Quando si verificano tali perturbazioni internazionali, le borse sono chiuse, e le banche centrali reagiscono imponendo una moratoria su alcune banche che sono in pericolo. È necessario adottare queste misure a breve termine, ma - ripeto - danno risultati solo a breve termine".

Euronews Serbia
Aleksandar Vlahovic intervistato da Euronews.Euronews Serbia

Un importante giornalista economico, Milan Chulibrk, afferma, viceversa, che una tale decisione non ha assolutamente senso, perché la Serbia produce quasi due milioni di tonnellate di grano, molto di più del fabbisogno per la propria popolazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia caput mundi: tutti gli aerei portano a Belgrado, tappa fondamentale per i viaggi in Europa

Guerra in Ucraina, a Belgrado in migliaia in piazza per sostenere Putin

Crisi ucraina: la Serbia in una posizione delicata