This content is not available in your region

Ucraina, guerra ad alta intensità e intanto c'è un accordo per una tregua temporanea

Access to the comments Commenti
Di Euronews e ansa
euronews_icons_loading
Proteste degli ucraini contro l'invasore russo
Proteste degli ucraini contro l'invasore russo   -   Diritti d'autore  AP Photo

I colloqui tra le parti, tenuti in una zona segreta della Bielorussia hanno prodotto a tarda sera un primo accordo: russi e ucraini danno il proprio assenso a una tregua temporanea per consentire l'evacuazione dei civili. La tregua dovrebbe consentire la creazione di corridoi umanitari.

Intanto l'esercito di Mosca avanza nel sud dell'Ucraina mentre è già stata conquistata Kherson, città strategica. L'artiglieria intanto martella Mariupol il maggior porto ucraino sul Mar d'Azov e che secondo il sindaco i russi vorrebbero paralizzare.

Terra bruciata attorno a Kiev

Kharkiv, la seconda città del Paese, anche è sotto attacco e si contano già molte vittime tra morti e feriti. Si prepara a un possibile assalto anche la città ucraina di Dnipro (nella zona centro orientale del Paese). Il villaggio di Gorenka è stato semidistrutto dalle bombe. Kiev è ormai sostanzialmente assediata dopo il viaggio della colonna di veicoli militari russi lunga 60 km che era in marcia vero il cuore del Paese. La resistenza ucraina si esprime anche nella protesta improvvisata degli ucraini davanti ai soldati russi.

La protesta delle popolazioni

Gli ucraini rigettano la retorica dell'esercito invasore e salvatore. A Melitopol centinaia di ucraini hanno protestato contro la presenza russa in città, e nella cittadina meridionale di Enerhodar centinaia di cittadini e lavoratori della centrale nucleare di Zaporiyia, la più grande d'Europa, stanno tra i carri armati e l'ingresso ad allestire barricate con veicoli e pneumatici per impedire l'accesso all'impianto. L'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIE) condanna l'acquisizione di impianti nucleari ucraini da parte dell'esercito russo.

La marea dei profughi

Intanto il flusso di profughi diventa un fiume. Già più di un milione di ucraini, la stragrande maggioranza dei quali donne e bambini, hanno cercato rifugio nei paesi vicini. L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha previsto che fino a 4 milioni di persone potrebbero lasciare l'Ucraina che conta una popolazione di circa 44 milioni di persone.

Il governatore della regione ucraina di Chernihiv, a nord di Kiev, ha denunciato che un attacco aereo russo oggi ha colpito due scuole ed edifici privati. E almeno nove persone sono rimaste uccise, con 4 feriti. Il Kyiv Independent riferisce che c'erano solo scuole, asili nido e un ospedale nella zona.