This content is not available in your region

Addio al più vincente quarterback d'America: Tom Brady annuncia ufficialmente il suo ritiro

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Addio al più vincente quarterback d'America: Tom Brady annuncia ufficialmente il suo ritiro
Diritti d'autore  Jason Behnken/ The Associated Press

Addio al più vincente quarterback d'America: dopo giorni di tentennamenti, Tom Brady annuncia ufficialmente il suo ritiro.
Lascia dopo 22 stagioni e 7 Super bowl vinti.

Ritirarsi da vincente: questo ha fatto Tom Brady, il quarterback di maggior successo nella storia della National Football League. 

Il 44enne californiano ha appeso le scarpe al chiodo dopo 22 stagioni e 7 Super Bowl all'attivo, che gli sono valsi il soprannome di GOAT, che per esteso significa Greatest of all Time.

In un post su twitter, Brady ha descritto la sua carriera da giocatore come una cavalcata emozionante, ben oltre la sua immaginazione.
Un viaggio che, una volta cominciato, non si pensa possa aver fine. Il quarterback ha aggiunto di sentirsi la persona più fortunata del mondo.

Una vita di successi condivisa con la moglie, la modella Gisele Bundchen, e i suoi tre figli.

Una vita sotto i riflettori celebrata anche dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

SAUL LOEB/AFP or licensors
Brady con il presidente BidenSAUL LOEB/AFP or licensors

L'ultima avventura sportiva è stata tra le fila dei Tampa Bay Buccaneers: con i bucanieri Brady ha incassato un altro Super Bowl, l'ultimo della sua epopea sportiva, la scorsa stagione e l'ultimo campionato NFC South.

Brady ha ringraziato l'organizzazione Buccaneers, i suoi compagni di squadra, proprietà, general manager Jason Licht, allenatore Bruce Arians, il suo allenatore Alex Guerrero, agenti Don Yee e Steve Dubin e la sua famiglia nel suo post di nove pagine. Non ha menzionato i New England Patriots, dove ha trascorso le sue prime 20 stagioni e ha vinto sei Super Bowl. Naturalmente, Brady ha ringraziato i Patriots e l'allenatore Bill Belichick, dopo aver lasciato la squadra per firmare con i Buccaneers nel marzo 2020.