EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Quirinale: nodi gordiani e Draghi a due teste

I dubbi di Mario Draghi
I dubbi di Mario Draghi Diritti d'autore ALBERTO PIZZOLI/AFP or licensors
Diritti d'autore ALBERTO PIZZOLI/AFP or licensors
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Draghi il presidenziabile, che sta meglio al Governo. Paradosso di un nodo gordiano che lega Palazzo Chigi e Colle, per sciogliere il quale ci vorrebbe un Draghi a due teste: una da Capo dello Stato, l'altra da Presidente del Consiglio

PUBBLICITÀ

Il nodo gordiano si chiama Mario Draghi: caso e paradosso politico di un Presidente del Consiglio che molti vorrebbero al Quirinale, ma che proprio per le caratteristiche che lo rendono presidenziabile, altri ritengono invece che stia meglio dov'è. Trascorsi a Banca d'Italia e BCE gli forgiano l'immagine di tecnico senza etichetta, capace in un momento difficile come la pandemia non solo di rilevare la guida del Paese, ma soprattutto di garantire l'unità di un governo, politicamente diviso. 

Euronews
Draghi, nella sua veste di tecnico senza bandiera, è agli occhi di molti l'unico al momento capace di tenere unite forze politiche tra loro molto diverseEuronews

Galloni e pedigree di personalità super partes - per di più riconosciuta sulla scena internazionale - rispondono sulla carta all'identikit del candidato ideale per il Quirinale. Nel complesso gioco degli equilibri fra Governo e Colle, i detrattori del "Draghi Presidente" sono però una forza trasversale: critici bipartisan, che tra 5Stelle e Lega, sostengono stia facendo bene a Palazzo Chigi, e faticano a individuare un successore, altrettanto capace di tenere unite le truppe.

Euronews
Per accettare il Colle, Draghi avrebbe esplicitamente richiesto che a succedergli fosse un altro tecnico. Quest'ultimo sarebbe però in grado di tenere unito il governo?Euronews

Per salire al Colle, lo stesso Draghi avrebbe posto la condizione  che a succedergli sia un altro tecnico. Una prospettiva che potrebbe minare i fragili equilibri del governo e che spaventa molti, ma che al momento pare anche l'unica capace di garantire la stabilità politica. 

Un filo doppio, che lega il destino di Colle e Quirinale, in un bandolo inestricabile, soprattutto fino a quando giovedì il quorum non scenderà alla maggioranza semplice.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dalle schede bianche all'astensione: tutte le danze per il Quirinale

Quirinale: nulla di fatto, domani si torna al voto con la maggioranza semplice.

Elezioni in Basilicata: seggi aperti dalle 7 alle 15, domenica affluenza al 37,74% per cento