This content is not available in your region

La Corte suprema ordina lo scioglimento della più antica Ong russa

Access to the comments Commenti
Di Euronews  Agenzie:  ANSA
euronews_icons_loading
Il giudice della Corte suprema russa Alla Nazarova ordina la chiusura di Memorial International, durante l'udienza del 28 dicembre 2021
Il giudice della Corte suprema russa Alla Nazarova ordina la chiusura di Memorial International, durante l'udienza del 28 dicembre 2021   -   Diritti d'autore  NATALIA KOLESNIKOVA/AFP or licensors

La Corte Suprema russa ha ordinato la chiusura di Memorial, la più antica organizzazione nazionale per la difesa dei diritti umani.

Fondata durante la perestrojka dallo scienziato dissidente Andrei Sacharov - a cui il parlamento europeo ha in seguito intitolato l'ominimo premio - inizialmente l'organizzazione si occupava di commemorare le vittime del regime sovietico.

NATALIA KOLESNIKOVA/AFP or licensors
Mosca, 28 dicembre 2021: fuori dalla sede della Corte suprema, la polizia arresta un sostenitore di Memorial, che protestava durante la pronuncia della sentenza di scioglimentNATALIA KOLESNIKOVA/AFP or licensors

Lo scioglimento era stato chiesto per via di violazioni relative alla designazione di "agente straniero", una dicitura ombrello sotto la quale vengono incasellati media e organizzazioni scomode che ricevono finanziamenti dall'estero.

Memorial era stata classificata come tale nel 2016: da allora, come tutti i soggetti indicati sotto tale dicitura, avrebbe dovuto accompagnare ogni sua comunicazione pubblica con un'avvertenza speciale, cosa che più volte aveva omesso di fare.

Ieri il responsabile di Memorial, Yury Dmitriev, uno dei maggiori storici dei Gulag, ha visto aumentare da 13 a 15 anni la sua condanna in un controverso processo per presunti abusi sulla figlia adottiva.

NATALIA KOLESNIKOVA/AFP or licensors
Mosca, 28 dicembre 2021: sostenitori di Memorial protestano fuori dal Tribunale durante la lettura della sentenza, indossando mascherine con il logo della ONGNATALIA KOLESNIKOVA/AFP or licensors

L'Onu, l'Ue e gran parte della comunità internazionale si sono espressi contro lo smantellamento dell'Ong.

Proteste si sono verificate anche a Mosca, dove almeno un sostenitore del gruppo - che insieme ad altri stava manifestando fuori dal Tribunale - è stato arrestato