This content is not available in your region

Come funzionano i vertici dell'Unione Europea?

Access to the comments Commenti
Di Alberto De Filippis
Come funzionano i vertici dell'Unione Europea?
Diritti d'autore  Francois Lenoir/AP

Chiacchiere e compromessi: questi sono i termini che potreste sentire quando i leader dell'UE si incontrano a Bruxelles per affrontare questioni urgenti, ma come funzionano i vertici dell'UE, cosa viene deciso e perché durano così a lungo?

C'è molto clamore quando i leader dell'UE si riuniscono nella capitale belga. Sia che i vertici abbiano successo che quando terminano.

© CE/ CE
Pranzo all'Eliseo: seduti in senso antiorario, di fronte; Joop Den Uyl, Primo Ministro olandese (torna alla telecamera), Harold Wilson, Primo Ministro britannico© CE/ CE

Ma perché i leader dell'UE tengono i vertici e come funzionano (o no)?

Innanzitutto che cos'è il Consiglio europeo?

Il Consiglio europeo è il gruppo di leader che guida i paesi membri dell'UE. Da non confondere con il Consiglio dell'Unione europea, che riunisce invece i ministri nazionali e si occupa di questioni legislative e politiche.

I 27 capi di Stato e di governo si incontrano fino a sei volte all'anno per stabilire il corso della politica dell'UE. Non negoziano o adottano leggi, ma stabiliscono invece l'agenda politica.

La persona che presiede i vertici è il presidente del Consiglio europeo dal 2009. Nel 2021 quest'onore è toccato all'ex primo ministro belga Charles Michel.

Il presidente presiede i negoziati al fine di adottare una "conclusione", ovvero una dichiarazione finale concordata da tutti i 27 leader.

In realtà, la maggior parte del lavoro di base per un vertice UE viene svolto settimane prima da funzionari e diplomatici prima che i grandi nomi arrivino a Bruxelles. Spesso le bozze di conclusioni sono trapelate prima del vertice.

Perché l'UE organizza vertici?

Negli anni '50, quando i leader europei volevano discutere questioni importanti per la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), non esisteva un calendario delle riunioni chiaro e le riunioni erano improvvisate.

L'idea di avere un club di leader dell'UE con cui parlare regolarmente è venuta all'ex presidente francese Valéry Giscard d'Estaing nel 1974. L'anno successivo, i leader dell'UE hanno iniziato a incontrarsi tre volte l'anno.

La ragione per avere un incontro di tutti i leader era avere una forma di leadership collettiva. Indipendentemente dalle dimensioni dello Stato membro, tutti avevano un posto a tavola.

Oggi i leader dell'UE si incontrano almeno due volte ogni sei mesi e il presidente del Consiglio può convocare vertici speciali su questioni particolarmente urgenti.

I vertici sono necessari per raggiungere un accordo su questioni che contano in tutti i paesi dell'UE, che si tratti della valuta dell'euro (timori della Grexit), di un nuovo partenariato commerciale con un ex paese dell'UE (Brexit) o ​​di come affrontare le ricadute di una pandemia (fondi per il recupero del COVID-19).

I vertici dell'UE sono generalmente i più critici nei periodi di crisi, motivo per cui possono diventare un po' tesi e allungare i tempi.

Geert Vanden Wijnga
Greek Prime Minister Alexis Tsipras pauses before answering questions during a media conference after an EU summit in Brussels on Thursday, Feb. 12, 2015Geert Vanden Wijnga

Perché i vertici dell'UE durano così a lungo?

Essi hanno la reputazione di iniziare all'ora di pranzo e andare avanti fino alle prime ore del mattino successivo. Questo perché trovare un accordo tra i 27 leader non è sempre facile.

"Penso che la storia europea sia piena di disaccordi, negoziati e, alla fine, compromessi", ha affermato il primo ministro greco Alexis Tsipras nel 2015 mentre i colloqui sulla crisi del debito greco continuavano. Alla fine è stato un compromesso greco a mettere fine allo spettro della Grexit, ma questo compromesso è arrivato con dolorose misure di austerità.

Alcune decisioni richiedono solo il consenso o i voti a maggioranza qualificata, ma altre richiedono un accordo unanime. Ciò significa che un solo paese può porre il veto alle conclusioni di altri 26.

Nel 2020, Polonia e Ungheria hanno minacciato di porre il veto al budget di 1,8 trilioni di euro del blocco per le preoccupazioni relative a un meccanismo che avrebbe condizionato alcuni fondi al rispetto di un paese per i valori europei fondamentali.

Fortunatamente, è stato concordato un accordo dell'undicesima ora con Varsavia e Budapest, scongiurando così una potenziale crisi.

Nel 2011, tuttavia, quando la Gran Bretagna era ancora un membro del club, l'allora governo Cameron ha esercitato il suo veto su una modifica del trattato a livello europeo fino a tarda notte, con grande frustrazione dei suoi colleghi.

I restanti 26 stati membri alla fine sono andati avanti senza i britannici, con il primo ministro Cameron che ha affermato come l'accordo non fosse nell'interesse del Regno Unito. E sappiamo tutti come è andata a finire.

Il vertice UE più lungo di sempre

Altre vette hanno uno status leggendario semplicemente per la loro lunghezza.

A luglio 2020, a Bruxelles si è svolto un incontro di oltre 80 ore tra venerdì sera e martedì mattina presto. Le trattative riguardavano lo stesso budget e il fondo per il recupero del coronavirus che ungheresi e polacchi hanno cercato di bloccare.

Olivier Hoslet/AP
Il presidente francese Emmanuel Macron dopo una sessione di negoziati durata tutta la notte, venerdì 11 dicembre 2020Olivier Hoslet/AP

La crisi del debito greco occupava da anni i titoli dei giornali ai vertici dell'UE, quando nel 2015 si è tenuto un altro teso vertice dell'UE in mezzo allo spettro della Grexit.

"Non siamo ancora arrivati ​​al punto in cui potrei dire che abbiamo un accordo, ma lavorerò fino all'ultimo minuto, fino all'ultimo secondo, fino all'ultimo millesimo di secondo, per proteggere il progetto euro dal fallimento", ha detto Jean-Claude Juncker nel giugno 2015.

A luglio, in Grecia si è tenuto un referendum che ha respinto i termini del salvataggio. Una settimana dopo, al termine di 17 ore di negoziati a Bruxelles, il primo ministro greco Alexis Tsipras ha concesso tagli e dolorose misure di austerità.

Ma il primo premio va al vertice di Nizza del dicembre 2000, dove i leader dell'UE hanno parlato per 90 ore. Il compromesso risultante è stato il Trattato di Nizza, un tentativo di riformare le istituzioni dell'UE per consentire l'espansione a est che sarebbe avvenuta entro il 2004.

Ci sono stati anche alcuni momenti di scontro durissimo tra i leader e di solito questo accade quando si parla di soldi.

AP/AP 1984
In questa foto d'archivio del 25 giugno 1984, il primo ministro britannico Margaret Thatcher guarda la telecamera in un vertice a Fontainebleau, in FranciaAP/AP 1984

Nel 1979, quando l'UE era ancora la Comunità europea (CE), il primo ministro conservatore Margaret Thatcher ha avuto molte parole taglienti per i capi di stato e di governo della CE quando ha discusso a favore di uno sconto britannico, che avrebbe impedito al Regno Unito di pagare di più nel bilancio collettivo di quanto ha ricevuto in sovvenzioni.

La più famosa di queste frasi è stata "Rivogliamo i miei soldi", e non sarebbe stata l'ultima volta che la Iron Lady si è scontrata con i suoi omologhi europei, con la disputa sui fondi che durava da cinque anni, e chesi è conclusa con una vittoria della Thatcher.

Sebbene i personaggi possano cambiare, le battaglie per il denaro sono una costante. Mentre i leader dell'UE stavano scontrandosi attorno a un fondo per la ripresa del coronavirus, il numero di elemosine e il rispetto dello stato di diritto sono diventati i principali punti critici. I cosiddetti 'Frugal Four', Austria, Svezia, Danimarca e Paesi Bassi. Hanno annunciato una controproposta, che esclude l'idea del raggruppamento del debito e degli aumenti a lungo termine del bilancio dell'UE.

Quando i leader hanno finalmente raggiunto un accordo dopo quattro giorni di colloqui, il presidente francese Emmanuel Macron ha salutato l'accordo come una "giornata storica per l'Europa".

L'ormai ex cancelliera tedesca Angela Merkel ha affermato che "eventi straordinari" richiedono "nuovi metodi straordinari", mentre il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha paragonato il pacchetto di ripresa al Piano Marshall del dopoguerra in Europa.

Tuttavia, Ungheria e Polonia sono rimaste scontente dei termini dell'accordo, ed alla fine hanno chiesto indicazioni alla Corte di giustizia europea su una questione legale di legare i fondi dell'UE ai valori dell'UE.

"Il segno di un compromesso europeo di successo è che nessuno lo ama", ha detto Rebecca Christie, visiting fellow al Bruegel Think Tank a Bruxelles dell'accordo nel luglio 2020.

Quindi, quando si tratta di vertici dell'UE, sebbene siano spesso descritti nei titoli come epiche battaglie tra leader nazionali, con vincitori e vinti, è sempre un compromesso il risultato finale.