This content is not available in your region

OMS: "Altro mezzo milione di morti entro febbraio". Il Regno Unito autorizza la pillola anti-Covid

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews
euronews_icons_loading
Ci salveranno le pillole di Molnupiravir?
Ci salveranno le pillole di Molnupiravir?   -   Diritti d'autore  Euronews

Il Regno Unito è il primo paese al mondo a concedere l'autorizzazione per la pillola antivirale prodotta dalla casa farmaceutica americana Merck - in collaborazione con Ridgeback Biotherapeutics -, l'unica dimostratasi efficace per trattare il Covid.

Ci salverà la pillola Molnupiravir?

La pillola denominata Molnupiravir è stata autorizzata dalla MHRA (l'Agenzia britannica del Farmaco) per gli adulti dai 18 anni in su (in particolare per gli over 60) che sono risultati positivi al Covid e hanno almeno un fattore di rischio per lo sviluppo grave della malattia, come l'obesità o le malattie cardio-vascolari.

Il Molnupiravir è ancora al vaglio di altri enti regolatori internazionali, come la Food and Drugs Administration e l'Agenzia europea del Farmaco.
Nei test clinici, la pilloal ha dimezzato il rischio di ricovero in ospedale o di decesso per le persone colpite dal Covid "in forma lieve e moderata".

Secondo la posologia, i pazienti che hanno avuto il Covid "in forma lieve e moderata" dovrebbero assumere quattro pillole del farmaco due volte al giorno per cinque giorni.

Si tratta di una pillola antivirale che riduce i sintomi e accelera il recupero: potrebbe rivelarsi rivoluzionaria, alleggerendo i carichi di lavoro degli ospedali e aiutando a frenare le epidemie nei paesi più poveri con sistemi sanitari fragili.
Rafforzerebbe anche il duplice approccio alla pandemia: il trattamento, attraverso i farmaci, e la prevenzione, principalmente attraverso le vaccinazioni.

➡️ Per saperne di più: come funziona il Molnupiravir?

AP/Merck & Co.
Eccolo, il Molnupiravir.AP/Merck & Co.

Germania: impennata di casi

Impennata di nuovi casi di Covid in Germania, forse anche a causa dell'arrivo delle temperature più fredde.
Secondo i dati forniti dal Robert Koch Institut di Berlino, nelle ultime 24 ore si sono registrati 33.949 nuovi casi di positività, rispetto ai 28.037 casi giornalieri di una settimana fa.

Secondo l'Agenzia tedesca per il controllo delle malattie si tratta del più alto numero di nuovi contagi dallo scoppio della pandemia.

"L'Europa è di nuovo l'epicentro dell'epidemia".
Hans Kluge
Direttore OMS Europa

Hans Kluge: "Un altro mezzo milione di morti entro febbraio"

Catastrofiche (ma realistiche) le previsioni di Hans Kluge, direttore belga dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per l'Europa:
"Secondo una proiezione affidabile, se rimaniamo su questa traiettoria, potremmo vedere un altro mezzo milione di morti di Covid-19 in Europa e Asia centrale entro il primo febbraio del prossimo anno".

AP Photo
Hans Kluge durante il suo intervento.AP Photo

Polonia: i dati più alti da aprile

In aumento la diffusione del virus anche in Polonia: 250 decessi e 5.515 casi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Ministero polacco della Salute, il numero totale più alto da aprile.

La Polonia, un paese di circa 38 milioni di abitanti, ha avuto finora 3.060.613 casi di Coronavirus e 77.395 decessi.

Il triste record della Russia

La Russia ha stabilito un altro poco invidiabile record di decessi giornalieri legati al Covid, addirittura 1.195, superando i 1.189 registrati il giorno precedente.

A causa di un nuovo aumento dei casi, il governo russo ha dovuto imporre una serie di nuove restrizioni in tutto il paese, almeno fino al 7 novembre.

➡️ Dati Covid ufficiali in tempo reale

➡️ Dati Vaccinazioni ufficiali in tempo reale