EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Congo, donne producono carbone con scarti di segherie contro la deforestazione

Congo, donne producono carbone con scarti di segherie contro la deforestazione
Diritti d'autore Melanie Gouby/AP
Diritti d'autore Melanie Gouby/AP
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A Kisangani, nel nord del Paese, un'associazione di donne produce carbone verde dagli scarti delle segherie

PUBBLICITÀ

Nella Repubblica Democratica del Congo, l'elemento essenziale della vita quotidiana è il makala, vale a dire il carbone, utilizzato dal 95% della popolazione per cucinare.

Pur indispensabile, tuttavia, è una delle cause principali della deforestazione: a Kisangani, nel nord del Paese, un'associazione di donne produce carbone verde ricavandolo dagli scarti delle segherie.

Un progetto ecologico e sociale lanciato da CIFOR, organizzazione scientifica internazionale per la ricerca e la protezione delle foreste, finanziata dall'Unione europea.

"Dal 2002 - dice Fatuma OTOKE, presidente dell'associazione - lavoravo ma non me la cavavo: da quando ci hanno formate per questo progetto, grazie agli scarti della segheria, possiamo mandare i nostri figli a scuola e mangiare, prima era più difficile".

La tecnica del makala consiste nell'ammassare pezzi di legno, coprirli con foglie verdi, quindi con uno spesso strato di terra.

A seguire, si accende il fuoco e inizia la carbonizzazione: sono stati migliorati il tempo per quest'ultima e la redditività, aggiungendo elementi, un camino e prese d'aria laterali.

from AP Photo
Screengrabfrom AP Photo

Prima erano necessarie fino a 2 settimane per carbonizzare il legno, oggi sono sufficienti da 4 a 6 giorni.

Gli scienziati sono alla ricerca di modi per migliorare ulteriormente questa tecnica, in particolare per proteggere i lavoratori dai gas tossici durante il rifornimento.

"Proponiamo di fare una carbonizzazione industriale con forni metallici - dice Jean LEJOLY, ricercatore e agroforestale - in cui riprendiamo la legna ben disposta come si fa tradizionalmente e la sottoponiamo alla carbonizzazione anaerobica.

Si tratta di innovazioni a lungo termine che rispettano l'alta intensità di lavoro: i tagliatori continueranno a tagliare il legno con macchine apposite, a fare piccoli pezzi, ad immagazzinarli".

Sulle moto, si caricano sacchi da 50 kg di makala: una famiglia media ne consuma 150 kg al mese, con una spesa tra i 10 e i 18 dollari, in pratica il 20% delle entrate mensili.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spose bambine in Marocco. Una piaga per migliaia di ragazze ogni anno

Attentato nel giorno di Natale: almeno 5 morti in Congo

Repubblica Democratica del Congo, il portavoce dell'esercito: "Sventato un tentativo di golpe"