EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Brexit, allevatori nel panico: ora in Regno Unito mancano anche i macellatori

Brexit, allevatori nel panico:  ora in Regno Unito mancano anche i macellatori
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I capi di bestiame continuano ad accumularsi nelle stalle e presto la tradizionale colazione inglese potrebbe essere servita, giocoforza, in edizione vegana

PUBBLICITÀ

Non sono solo gli autotrasportatori a mancare nella Gran Bretagna post-Brexit.  Ad attraversare un momento critico sono anche gli allevatori, che vedono i capi di bestiame accumularsi a tal punto che non sanno più dove stiparli.

Colpa della penuria dei macellatori, un'altra classe di lavoratori che contava parecchi immigrati europei, e le cui fila si sono drammaticamente svuotate dopo il divorzio tra Londra e Bruxelles. A farne le spese sono allevatori come Sophie Hope, allevatrice di suini e pollame, la cui attività è stata letteralmente stravolta da questo nuovo stato di cose. 

Nell'allevamento di Hope, i maiali continuano ad ammassarsi a migliaia, dal momento che manca del tutto chi dovrebbe occuparsi di macellarli.  "È una dramma per noi, è motivo di notti insonni e giorni pieni di ansia. Ci sono così tanti maiali nella nostra fattoria che non sappiamo più dove metterli."40''

Visti d'emergenza

Sophie chiede la concessione di visti d'emergenza per gli europei che abbiano le competenze per risolvere il problema. "Abbiamo bisogno di far entrare i macellai negli impianti di lavorazione - dice - per poter smaltire il carico di bestiame". 

E avverte che, se a Londra non si sbrigano a fare qualcosa, presto il problema si sposterà anche sul lato consumatore, dal momento che migliaia di britannici la mattina non sapranno più dove reperire uova e bacon per la tradizionale english breakfast

Perché il problema riguarda anche il pollame, che rappresenta l'altra metà del business della donna: le sue galline depongono uova fecondate per gli allevatori che coltivano polli, ma il collo di bottiglia nelle catene di approvvigionamento ha fatto sì che abbia dovuto buttarne via centinaia di migliaia.

"Qui do lavoro a 20 persone, che lavorano duramente giorno dopo giorno, dalla mattina presto per far si chequesti animali producano molte uova . Finire per vederele buttate nella spazzatura è demoralizzante per tutti noi".

La ragione per cui le carni suine e il pollame sono tra i settori più colpiti dalla carenza di lavoratori europei è che questi animali crescono più velocemente: ma si teme che, tra non molto, anche gli allevatori di bovini e di agnelli si troveranno nelle stesse condizioni. 

Il governo, dal canto suo,  dice di essere consapevole del problema, e di essere a lavoro a stretto contatto con i settori interessati. per trovare una soluzione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Irlanda del Nord: Londra approva l'intesa sulla fine dello stallo politico

Irlanda del Nord: raggiunto un accordo con il governo del Regno Unito, fine al boicottaggio

Il governo britannico è accusato di spaventare gli immigrati per indurli a lasciare il Paese