Alla Rocca di Assisi i primi partecipanti Marcia pace

Diecimila iscritti ufficiali ma tanti si uniscono lungo percorso
Diecimila iscritti ufficiali ma tanti si uniscono lungo percorso
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 10 OTT - La Marcia della pace dei 60 anni è anche quella caratterizzata dalle mascherine anti-Covid indossate dalle migliaia di partecipanti. Sarà ricordata anche per questo la PerugiAssisi di quest'anno. Diecimila gli iscritti ufficiali ma tante migliaia in più le persone che si sono unite spontaneamente creando il solito lungo serpentone di 24 chilometri cha ha legato idealmente i Giardini del Frontone di Perugia alla Rocca Maggiore di Assisi. Penultima tappa è stata quella nella Piazza inferiore di San Francesco con i saluti di padre Marco Moroni, custode del Sacro Convento di San Francesco d'Assisi, e di mons. Vincenzo Sorrentino, vescovo di Assisi, che ha letto il messaggio di Papa Francesco. Consegnata anche la lampada della pace al coordinatore della Marcia per la pace, un commosso Flavio Lotti che rivolgendosi alle persone sul sagrato ha detto: "Il primo grazie è a tutti voi che avete realizzato il sogno di ritrovarci insieme, perché solo insieme si costruisce la pace". Una partecipazione soprattutto di giovani e di enti locali, presenze su cui gli organizzatori hanno lavorato, arrivando così a replicare quasi le circa 20 mila presenze che si registrarono nel 1961 durante la prima marcia voluta da Aldo Capitini. Una Marcia tornata alla normalità dopo quella senza precedenti del distanziamento dello scorso anno che si era trasformata in una "Catena umana della pace e della fraternità" creata contemporaneamente nelle sue storiche città di arrivo e partenza della Marcia, quelle di Aldo Capitini e di San Francesco. Intorno alle 15 la testa del corteo con lo striscione con in evidenza lo slogan "I Care - Cura è il nuovo nome della pace", scelto per questa edizione che celebra i 60 anni, è poi arrivato alla Rocca Maggiore, proprio dove Capitini concluse la prima marcia per la pace nel 1961. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fao, donne più penalizzate degli uomini dal cambiamento del clima

Libertà dei media: ecco la situazione in Europa

La navetta Crew Dragon arriva alla Stazione spaziale internazionale: undici astronauti in orbita