Ex vigilessa uccisa: le figlie nella stessa cella

La nonna agli inquirenti: 'Troppo attaccate ai soldi'
La nonna agli inquirenti: 'Troppo attaccate ai soldi'
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - BRESCIA, 25 SET - Hanno trascorso la notte nella stessa cella Silvia e Paola Zani, le due sorelle di 27 e 19 anni accusate dell'omicidio e dell'occultamento del cadavere della madre Laura Ziliani e da ieri detenute nel carcere femminile bresciano di Verziano. In carcere sono entrate tenendosi per mano, poi sono state separate per alcune ore prima di essere messe nella stessa cella. È invece in isolamento a Canton Mombello Mirto Milani, fidanzato della maggiore, che aveva una relazione nascosta con la più piccola. Tutti e tre si sono chiusi nel silenzio, come in silenzio sono rimasti quando i carabinieri venerdì mattina li hanno arrestati. "Quei tre ragazzi erano troppo attaccati ai soldi": è quanto la madre di Laura Ziliani, Marisa, ha riferito agli inquirenti parlando delle due nipoti e di Mirto Milani. La donna ha anche riferito di una lite che Laura e Mirto avevano avuto a proposito del costo di una ristrutturazione. "Mia figlia era basita che lui si interessasse a quelle cose che non lo riguardavano. Quei tre ragazzi erano troppo attaccati ai soldi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza, "intesa" sui punti principali per un cessate il fuoco, ma Netanayahu non arretra su Rafah

L'Ue cerca nuove rotte commerciali dalla Cina: il Corridoio di mezzo attraverserà Caucaso e Turchia

Gaza, il re di Giordania a Israele: "Non si continui la guerra durante il Ramadan"