ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Volo MH17, al via le testimonianze dei parenti delle vittime

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini
euronews_icons_loading
Volo MH17, al via le testimonianze dei parenti delle vittime
Diritti d'autore  Peter Dejong/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Al via le deposizioni dei novanta parenti delle 283 vittime del volo MH17 della Malaysia Airlines, abbattuto nel 2014 nei cieli dell'Ucraina orientale. Nei Paesi Bassi è in corso il contro i quattro separatisti filo-russi accusati di aver compiuto l'attacco al volo partito da Amsterdam e diretto a Kuala Lumpur.

Il Tribunale dell'Aja ha tempo tre settimane per dare spazio a tutte le testimonianze dei famigliari provenienti da otto Paesi diversi. Le audizioni si tengono sia in presenza che in video conferenza, mentre la Corte ha ammesso in aula di portare oggetti personali delle vittime. Secondo quanto dichiarato da uno dei legali dei parenti delle vittime il mondo intero deve sapere quale impatto emotivo ha avuto questo disastro aereo.

Il team internazionale di investigatori, guidato dai Paesi Bassi, ha stabilito nel maggio 2018 che l'aereo è stato centrato da un missile BUK della 53a brigata antiaerea russa con sede a Kursk.

Quattro sospetti coinvolti nel caso

Il processo era iniziato nel marzo 2020 ma finora ha dovuto superare diversi cavilli legali prevalentemente relativi all'ammissibilità delle prove nell'incidente aereo, che ha ucciso tutte le 298 persone a bordo.

I russi Sergei Dubinsky, Igor Guirkin e Oleg Poulatov, così come l'ucraino Leonid Khartchenko, quattro alti funzionari dei separatisti filo-russi dell'Ucraina orientale, sono perseguiti dalla procura olandese per omicidio e per essere implicati nella tragedia. Poulatov, uno dei sospettati, ha dichiarato che non c'è prova che dimostri l'utilizzo del missile indicato per l'abbattimento.

Secondo i Pubblici Ministeri i quattro sospetti sono stati coinvolti nello schieramento del missile condotto in Ucraina da una base militare russa. La Russia ha costantemente negato qualsiasi coinvolgimento, criticando le indagini internazionali.

Risorse addizionali per questo articolo • ANSA