ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Addio a Mikis Theodorakis, maestro del sirtaki e voce della libertà

Access to the comments Commenti
Di Debora Gandini Agenzie:  ANSA
euronews_icons_loading
Addio a Mikis Theodorakis, maestro del sirtaki e voce della libertà
Diritti d'autore  Giuseppe Anastasi/AP1970
Dimensioni di testo Aa Aa

Il mondo dello spettacolo perde una figura leggendaria, un compositore d’eccezione. E’ mancato Mikis Theodorakis, il leggendario musicista greco autore delle musiche di "Zorba il greco", il film diretto del 1964 da Michael Cacoyannis, con Anhtony Quinn e basato sull'omonimo romanzo di Nikos Kazantzakis.

Theodorakis, aveva 96 anni. Da tempo soffriva di problemi cardiaci. Negli ultimi mesi era ricoverato all’Ospedale di Atene.

Mikis Theodorakis era nato il 29 luglio 1925 nell'isola greca di Chio e fin da ragazzo ha intrecciato il suo talento con la passione per la politica, una scelta che ha segnato il corso della sua esistenza e della sua professione. Per la critica è stato un artista che ha fatto conoscere a tutto il mondo il folklore ellenico, il sirtaki, condensando nei sui versi e nelle sue musiche le battaglie per la libertà e la democrazia.

“Non sono un eroe. Gli eroi muoiono giovani. Sono un cittadino che fa il suo dovere”.
Mikis Theodorakis
Musicista greco

Passione politica e passione per la musica

Già a 18 anni, quando studiava al conservatorio di Atene, era entrato nella Resistenza all'occupazione nazi-fascista e per ha subito arresti e torture. Ai tempi della Guerra Civile in Grecia è stato rinchiuso in un campo di prigionia. Una volta libero, nel 1950, dopo il diploma al Conservatorio, comincia la sua carriera: viaggia, soggiorna a Parigi e Mosca, dirige un'orchestra sinfonica ma, soprattutto, comincia quel lavoro sulla musica popolare che lo renderà famoso.

Una carriera costellata di un enorme numero di opere, che spaziano dalla musica sinfonica a quella popolare, da cui ha tratto gran parte della sua ispirazione e che ha diffuso in ogni paese. Negli anni '60 Mikis Theodorakis è il protagonista indiscusso del rinnovamento culturale greco, senza mai dimenticare l'impegno politico.

AP Photo
Mikis TheodorakisAP Photo

La carriera di Theodorakis

Nel 1974, quando in Grecia cade la dittatura, Theodorakis diventa la figura chiave di un intero Paese. In esilio, il Maestro firma altri due tra i suoi lavori più celebri: la colonna sonora di "Z- L'orgia del potere", il film di Costa Gravas sull'assassinio del deputato di sinistra Grigoris Lambrakis che nel 1967 vinse il premio Oscar per il miglior film straniero, e "Serpico", la storia, vera, del poliziotto Frank Serpico, interpretato da Al Pacino.

Per il popolo greco era visto come un uomo rivoluzionario che parlava sia attraverso le proprie azioni che la musica.

Una delle sue ultime battaglie è stata la partecipazione ad una manifestazione in piazza Syntagma contro la troika durante la crisi finanziaria greca, a cui le forze speciali reagirono con il lancio di lacrimogeni nonostante la sua età avanzata. Con tanto di critiche all’allora premier Alexis Tsipras. Indimenticabili le sue parole sul senso civico di cittadini ed elettori: “Non sono un eroe. Gli eroi muoiono giovani. Sono un cittadino che fa il suo dovere”.